Investite e uccise a San Giuliano Milanese, identificato l’uomo alla guida del mezzo agricolo

0
San Giuliano Milanese, due cadaveri nel campo di mais.

Investite e uccise a San Giuliano Milanese, identificato l’uomo alla guida del mezzo agricolo. È stato identificato il bracciante che venerdì mattina era al lavoro nel campo di mais di San Giuliano Milanese dove sono state travolte e uccise due donne. L’uomo è stato ascoltato dai carabinieri, il mezzo è stato rinvenuto e sequestrato per accertamenti. Le due si erano probabilmente accampate ed erano state investite, una era riuscita a contattare il 112 prima di morire.

I carabinieri hanno identificato il bracciante che venerdì mattina era stato nel campo di mais a San Giuliano Milanese, in provincia di Milano, dove sono state investite e uccise due donne. L’uomo è stato rintracciato e ascoltato. Il veicolo, che non è una trebbiatrice ma un mezzo agricolo usato per spargere insetticida e diserbante, è stato sequestrato e verrà sottoposto ad analisi e ad accertamenti. La dinamica dell’investimento resta da chiarire, per l’uomo si prospetta l’accusa di omicidio. Le due vittime sono state identificate in Sara El Jaafari, 28 anni, e Hanan Nekhla, 32 anni.

Accampate tra le piante di mais
Presumibilmente le due si erano accampate tra le piante di mais per la notte ed erano state travolte dal bracciante che non si era accorto della loro presenza; durante i sopralluoghi i militari hanno rinvenuto nel campo, poco distante dai cadaveri, delle coperte, bottiglie di alcolici, resti di carta stagnola, del probabile stupefacente e diversi telefoni cellulari.  L’allarme era scattato venerdì mattina, con una chiamata al 112. Una donna al telefono, parlando in arabo, aveva detto che lei e la sua amica si trovavano in un campo di mais al confine con San Donato Milanese ed erano state investite da una mietitrebbiatrice, che lei era rimasta ferita e che l’altra donna era morta. Pochi secondi, poi la conversazione si era interrotta. Durante la breve telefonata la donna non era riuscita a dare un riferimento preciso, ma aveva più volte nominato Rogoredo.

Investite e uccise da un mezzo agricolo
I carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese avevano subito avviato le ricerche, anche con l’ausilio degli elicotteri del 118 e del secondo nucleo elicotteri carabinieri di Orio al Serio, concentrandosi sulla zona dove era stato localizzato il cellulare da cui era partita la chiamata, a San Giuliano Milanese, in via Toscana, in aperta campagna. Grazie ad approfondimenti investigativi i militari avevano identificato le due donne scomparse, entrambe di origini marocchine, e avevano avvisato i familiari della 32enne, che vivono a Milano.

Le ricerche sono andate avanti fino alle 20, quando i due corpi sono stati ritrovati al confine con Locate di Triulzi; era deceduta anche la seconda. La Procura di Lodi ha disposto l’autopsia sui cadaveri, con cui verrà verificato anche se il massiccio uso dell’insetticida ha influito sulla morte; ad un primo esame non sarebbero emerse lesioni evidenti sui corpi, ma ferite compatibili con trascinamento da mezzo e schiacciamento. Sono in corso accertamenti per capire se le due fossero da sole nel campo. I familiari della 32enne hanno confermato ai carabinieri che le due donne non avevano fissa dimora e che si spostavano spesso tra case di amici.

Investite e uccise a San Giuliano Milanese, identificato l’uomo alla guida del mezzo agricolo.

Articolo PrecedenteChiara Gualzetti, le bugie del killer alla mamma: “Doveva incontrare un tipo conosciuto in chat”
Prossimo ArticoloCagliari, trentenne ucciso a coltellate dopo una lite con il coinquilino
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.