Intervista Esclusiva a: Andrea Giarrizzo del Movimento 5 Stelle

0
Intervista Esclusiva a: Andrea Giarrizzo. Per il progetto Giovani Rilancio e Sviluppo. 4 milioni di euro per chi sviluppa videogiochi. Andrea Giarrizzo e Roberta Alaimo, insieme hanno dato vita ad un progetto molto importante 

Indice dei contenuti

 

D: Da ex giocatore a livello nazionale di Esports, e amante tutt’ora di videogiochi sia online, che offline e solo di alcuni generi, sarei interessato a chiederle On. Andrea Giarrizzo, cosa vi aspettate, e da chi vi aspettate qualcosa in Italia?

R: Anche io Ex giocatore partendo da Battlefield 2, e Battlefield 20142 a livello agonistico. Penso che i videogiochi vengano travisati nella loro finalità, perchè i videogiochi hanno qualcosa di prettamente ludico con il quale ci si può solo divertire.

104318

original

Invece per come li concepisco io, sono momenti educativi, ovviamente dipende da quale videogioco si sta giocando, e dipende dall’approccio che si usa. Quindi, riescono ad essere strumenti fondamentali sia in singolo, sia in team.

Ad esempio in passato ho portato avanti progetti in Team Building con Minecraft, cooperando anche per risolvere dei puzzle nell’ambiente stesso, Inoltre penso che sviluppano il pensiero analitico della persona. Sono davvero molto interessanti, la mia carissima amica e Ministra Fabiana Dadone, sta dando molta attenzione a questo. E Il mio sogno devo dire la verità è che alcuni videogiochi possano diventare una disciplina olimpica. Ma so che la strada è molto lunga per arrivare a quello.

(Intanto ricordiamo noi della Redazione di Limemagazine che: I videogiochi possono definirsi attività sportiva. Il summit di Losanna ha visto la partecipazione del Presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach, diversi vicepresidenti dello stesso Comitato, nonché presidenti di diverse federazioni internazionali. Da un comunicato a firma del Comitato Olimpico Internazionale, si evince che gli E-sports competitivi, possono essere considerati un’attività sportiva e i giocatori coinvolti in detta attività si preparano e si allenano con una particolare intensità, che per caratteristiche può essere certamente paragonata a quelle degli atleti delle discipline sportive tradizionali.)

bach thomas thumbnail

D: Cosa pensa del fatto che alcuni ragazzi possano prendere la cosa come un NO alla scuola, tanto ci sono i videogiochi che mi fanno guadagnare tanti soldi a livello competitivo? E del fatto che è stata proposta una legge per il divieto del cellulare ai ragazzi fino ai 12 anni? (che ricordiamo: L’uso del cellulare nuoce alla salute dei bambini. Parte da questo assunto la proposta di legge firmata da Rosalba De Giorgi – deputata tarantina del gruppo Misto, fuoriuscita dal M5s il 6 maggio 2020 – che vieta fino a tre anni e a scuola l’uso dei cellulari e ne limita l’uso dai 4 ai 12 anni. Fonte Sole24Ore.com)

769449 thumb full 720 intervista pdl telefoni u12 1 60

R: Li forse sta tutto alla gestione dei genitori, perchè è facile dire facciamo una legge che vieta l’uso del cellulare a tot anni, non è proprio cosi. E’ più facile a dirsi che a farsi una cosa del genere. Sicuramente quello che va fatto è la sensibilizzazione, soprattutto ai genitori su quello che sono i rischi, dando un cellulare in mano ad un minorenne. Soprattutto con i cellulari che abbiamo adesso, visto che hanno una facilità estrema nel collegarsi ad internet.

Io, tra l’altro ho presentato una proposta di legge che parla di tutelare i minorenni dai fenomeni lesivi scaturiti dall’uso improprio dei Social Network. Vediamo ad esempio le Challenge su Tik-Tok, Social ormai famoso anche per questa tipologia di contenuti. Può capitare che ci siano Challenge un po’ pericolose, e quindi può capitare che il minorenne venga tratto in inganno per poi ritrovarsi in un tunnel dal quale poi non è facile uscire.

E quindi io penso che la soluzione non sia vietare, quella è una decisione drastica che viene presa in quanto non si è riusciti a trovare una soluzione intermedia, come può essere quella della sensibilizzazione e del rendere edotte le persone sulle tematiche.

193011653 1202726676832112 1406914603469463716 n

D: Il Ministro Franceschini dice “I videogiochi sono frutto dell’ingegno creativo” – ed è giusto che, analogamente a quanto avviene per il cinema e l’audiovisivo, possano ricevere un sostegno, se riconosciuti come opere di particolare valore culturale. Vorrei chiederle, di che genere stiamo parlando per avere un valore culturale?

R: Innanzitutto dico che sono d’accordo, nel senso che noi nel decreto rilancio abbiamo inserito un fondo a sostegno di chi crea videogiochi, di 4,000,000,00 di Euro. Poi presentai emendamento per aumentare il fondo, poi adesso a distanza di 1 anno il fondo è partito, e si sta comunque continuando a tentare di aumentare la disponibilità di questo fondo. Perchè effettivamente è un mercato molto vivo, molto importante, e soprattutto proprio perchè i videogiochi sono frutto della creatività e il popolo italiano è uno dei più creativi al mondo, perchè non incentivarle.

61if2hUimgL. AC SX679

Io personalmente giudicare una forma d’arte o una categoria di videogioco non lo posso fare, l’arte per me è una cosa molto soggettiva ad esempio: posso dire call of duty per tutto ciò che c’è dietro, dalla costruzione, all’intelligenza artificiale, allo studio e progettazione è una forma d’arte.

b55fc72410714d3b10a866de04462ad02a2f6ad86ae36eb27360d897a2402d1d product card v2 mobile slider 639

Poi per parlare di arte pura cito: What Remains of Edith Finch. E’ un videogioco d’avventura grafica del 2017, sviluppato da Giant Sparrow e pubblicato da Annapurna Pictures per PlayStation 4, Xbox One e Windows. Nel 2018 è stato premiato ai British Academy Games Award come Game of the Year e ha vinto nella categoria Best Narrative. Quindi non ti posso dire cosa è arte, ma ti posso dire potenzialmente per la persona a livello soggettivo, un videogioco può essere considerato arte in qualsiasi modo sia dal punto di vista della costruzione, dalla narrativa e da tutto ciò che c’è dietro.

8d8cc2 videogiochi cover

D: La maggior parte delle imprese che sviluppano videogiochi in Italia fattura al massimo 100 mila euro. I numeri sono in crescita, ma delineano una situazione fortemente arretrata rispetto ai Paesi europei di riferimento. Con questo progetto volete alzare il numero?

R: Con il fondo del progetto Giovani Rilancio e Sviluppo si vuole incentivare le persone a cimentarsi in una nuova frontiera, che per l’italia potrebbe essere quasi nuova anche se in realtà esiste già da molto tempo, però non è mai stata tanto valorizzata perchè ritenuta di secondo piano. L’intento è invogliare quante più persone possibili ad avvicinarsi a questo mercato in quanto molto vivo e florido, e quindi perchè no aumentare anche i propri fatturati.

Poi io sono convinto che è bene avviare programmi di scambi culturali e lavorativi con altre aziende che si occupano di sviluppo, con altre Software house all’estero cosi che si possano imparare qualcosa di nuovo, come ad esempio competenze, conoscenze, e creare quindi un approccio lavorativo diverso se ci fossero questi scambi in italia sarebbe molto interessante.

coronavirus 4817450 1920 imagefull

D: Lavoro, “giovani, donne e stranieri i più penalizzati dalla pandemia. I dati del Censis. Nel 2020 sono stati 456 mila gli occupati in meno rispetto all’anno precedente (-2%). Significativo anche l’aumento degli inattivi: 711.000 in più. Rischio ripiegamento: 14 milioni di donne e 3 milioni di giovani non cercano più un’occupazione, cosa pensa di questo?

R: Come sapete sto portando avanti questo progetto per i giovani insieme a Roberta Alaimo anche per fare delle proposte concrete. Vorrei spiegare come è strutturato il progetto.

Il progetto consiste in 3 fasi.

La prima è una fase di ascolto, infatti siamo già più di un mese ascoltando tutte le associazioni di categoria, dal mondo delle imprese, dei lavoratori, dei commercianti, dei professionisti, che ci raccontano e ci spiegano nelle loro sedi. Quindi non sono loro che vengono da noi, ma siamo noi ad andare da loro.

196803726 1205296776575102 2235056571994189716 n

Vogliamo lanciare un messaggio importante ovvero che c’è interesse da parte dello stato, e del parlamento su queste tematiche. Gli chiediamo di darci dei consigli delle istanze, di sollevarci le problematiche, delle idee che possano contrastare tutte queste cose.

Confcommercio imprese per litala confcoop logo 1100 logo confindustria

Stiamo raccogliendo il più possibile, siamo andati anche al confcommercio, confcooperative, confindustria, insomma di tutto.

Abbiamo anche ascoltato la loro parte giovane, anche confindustria giovani. Dopodiché abbiamo iniziato un ciclo di ascolti anche con le associazioni che si trovano sui territori, non quelle di categoria del mondo delle imprese, ma proprie vere associazioni che riescono a creare valore sul territorio, e coinvolgere i giovani, e le comunità. Di dare delle possibilità, opportunità e delle alternative. Molte di queste si occupano dei neet, altre si occupano di chi non va più a scuola perchè c’è tanta dispersione scolastica, altre tentano di coinvolgerli in accelerazione e in occupazioni imprenditoriali.

Quindi stiamo ascoltando proprio tutti. Io prima di essere deputato mi occupavo proprio di questo, avevo un percorso di formazione imprenditoriale andavamo nelle scuole, e nelle università anche all’estero, e facevamo questi percorsi di formazione. Mi sono creato una rete cosi grande che ho recuperato, e sto riascoltando non più come collega, ma come parlamentare.

198309423 1207976679640445 6051747283556148943 n

La seconda fase invece è la fase di sensibilizzazione dove noi sostanzialmente, andremo a far parlare queste persone negli incontri pubblici. Quindi ti viene la start up di turno che ti racconta la sua storia, com’è nato tutto, come si sono incontrati i ragazzi del team, con le varie ragazze, ecc. Tutto questo per sensibilizzare i giovani e fargli conoscere l’ecosistema attivo, e solido. La start up innovativa italiana, e dire ai ragazzi esiste questo sistema che vi può dare delle opportunità, e degli spunti interessanti che magari non conoscevate, ma che grazie al lavoro che stiamo facendo di sensibilizzazione vi facciamo conoscere.

Questo perchè è una delle problematiche che ci hanno sollevato io sapevo già tutto, ma ho avuto ulteriore conferme da tanti interlocutori che questi giovani non conoscono neanche queste opportunità che il territorio da. Poi conoscendole non hanno neanche quella spinta in più per dire mi faccio venire un idea, provo ad investire su una mia idea mi faccio aiutare da qualcuno.

200752446 823721194942404 9046762160945566988 n

La 3 fase che va in parallelo alle altre due è semplicemente la trasformazione di tutte queste idee, istanze, e suggerimenti che ci danno in atti parlamentari, quindi abbiamo presentato un sacco di emendamenti, ordini del giorno , interrogazioni e continuiamo a farlo proprio per dare voce, e ascolto a tutti questi interlocutori che abbiamo visto e sentito. Ovviamente voglio aggiungere che ci stiamo occupando dell’occupazione, e dell’imprenditoria femminile non solo quella giovanile.

 

Ringraziamo l’On Andrea Giarrizzo per l’intervista rilasciata. Vi lasciamo tutti i canali dove potete seguire il progetto. 

FACEBOOK Andrea Giarrizzo

INSTAGRAM Andrea Giarrizzo

__________________________

FACEBOOK Roberta Alaimo

INSTAGRAM Roberta Alaimo

26904470 10155768887680813 7507433231865231882 n

 

 

 

Articolo PrecedenteStrage di Ardea, denunciata la madre del killer: non ha segnalato l’arma del marito morto
Prossimo ArticoloPicchia la fidanzata incinta, adolescenti lo investono in auto e poi lo uccidono a bastonate
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.