Insulti omofobi su tram a Roma, la denuncia in un video: “Qui stranieri e finocchi, fai schifo”

0
Insulti omofobi su tram a Roma, la denuncia in un video.

Insulti omofobi su tram a Roma, la denuncia in un video. È successo il 3 giugno sul tram 3 di Roma e la video-denuncia è stata pubblicata da Tommaso, uno dei giovani che hanno ricevuto gli insulti: “Povera Italia, tra stranieri e finocchi. Che schifo”, ha esordito l’altro continuando poi con una serie di insulti omofobi e razzisti. “Putt… che schifo che fai? Ma fai l’uomo o la donna?”.

Prima l’aggressione verbale a due donne di origine asiatica, poi a un ragazzo che tentava di difenderle. Protagonista un uomo sulla quarantina. È successo il 3 giugno sul tram 3 di Roma e la video-denuncia è stata pubblicata da uno dei giovani che hanno ricevuto gli insulti: “Povera Italia, tra stranieri e finocchi. Che schifo”, ha esordito l’altro continuando poi con una serie di offese omofobe e razziste. “Putt… che schifo che fai? Ma fai l’uomo o la donna?”, ha continuato. Questo il racconto su Instragram di Tommaso, che stava ascoltando la musica con le cuffie sul mezzo pubblico, preso per andare dal parrucchiere a tagliarsi i capelli: “Ad un certo punto, inizio a notare un po’ di agitazione intorno a me e tolgo la musica. Un uomo sulla quarantina stava insultando pesantemente due donne di origine asiatica ed un ragazzo le stava difendendo. Dal razzismo, l’uomo passa all’omofobia iniziando ad insultare il ragazzo, anche con minacce esplicite di aggressione “vieni de fori, te sfonno la faccia” così decido di intervenire (e di riprendere, per tutelarci) in difesa di quelle due donne e del ragazzo e anche per intimidire l’uomo, e questo è stato il nostro scambio di parole”. Il botta e risposta tra Tommaso e l’uomo, che continuava imperterrito con gli insulti, è durato circa 3minuti, tutti ripresi dal ragazzo con il suo smartphone.

E ancora: “Ma continuiamo a dire pure che il Disegno di legge Zan limita la libertà d’espressione, che non serve a niente, che non è una priorità e altre bugie simili. La verità è che situazioni del genere capitano ogni singolo giorno, a tutti. A me oggi, a chi non è più in vita per raccontarlo ieri e a tuo figlio domani”. Il ddl Zan, ricordiamo, propone di introdurre modifiche “agli articoli 604-bis e 604-ter del codice penale, in materia di violenza o discriminazione per motivi di orientamento sessuale o identità di genere”.  Il progetto di legge punta ad introdurre nello specifico “misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”.

L’autore della denuncia: “Preoccupatevi per tutti coloro che potrebbero subire questi insulti”
“Io sto bene, sono tranquillo, sono più preoccupato per le due signore e per l’altro ragazzo. Sto tranquillo, queste cose non mi toccano personalmente, ma mi preoccupano per le persone che potrebbero trovarsi in quelle situazioni. Non preoccupatevi per me, ma preoccupatevi perché una situazione del genere potrebbe ferire qualcuno sia fisicamente che emotivamente”, ha raccontato ancora il ragazzo aggredito in una story pubblicata sul suo profilo Instagram. Tantissimi i commenti di solidarietà a Tommaso, tra cui quello di Pietro Turano, attivista gay e protagonista della serie tv Skam Italia: “Tommi…. mi dispiace… e grazie…”.

 

Articolo PrecedentePadova, tappezza il paese di immagini hot dell’ex fidanzata 20enne: denunciato 44enne
Prossimo ArticoloColpo di scena al Rally Italia Sardegna 2021, Tanak si ritira per un guasto Ogier primo
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.