Incidente sul lavoro a Parma, operaio muore schiacciato in un cantiere dell’autostrada A15

0
Incidente sul lavoro a Parma, operaio muore schiacciato in un cantiere dell’autostrada A15.

Incidente sul lavoro a Parma, operaio muore schiacciato in un cantiere dell’autostrada A15. Un operaio di un’azienda del settore edile del Modenese è morto nella serata di ieri in provincia di Parma su un cantiere per la realizzazione della “Tibre”, l’infrastruttura che collegherà l’A15 con l’Autobrennero. L’uomo, di 53 anni, è stato schiacciato da un mezzo controva una macchina asfaltatrice.

Un operaio è morto in un incidente sul lavoro in un cantiere dell’autostrada A15, a Parma. Il dramma si è consumato nella serata di ieri, mercoledì 4 agosto. La vittima aveva cinquantatré anni: residente in provincia di Reggio Emilia, era dipendente di una azienda del settore edile del Modenese. Secondo la prima ricostruzione della Polizia stradale, mentre faceva manutenzione l’uomo è stato travolto da una ruspa che andava in retromarcia e che lo ha schiacciato contro una macchina asfaltatrice. L’incidente sul lavoro è avvenuto su un cantiere per la realizzazione della “Tibre”, l’infrastruttura che collegherà l’A15 Parma La Spezia con l’autostrada del Brennero. Sul posto è intervenuto anche un pm della Procura di Parma, che indaga sul caso, al lavoro per definire la dinamica dell’incidente mortale.

Martedì la morte sul lavoro nel Modenese di Laila El Harim – L’incidente sul lavoro sull’A15 arriva a poche ore da un altro dramma registrato sempre in Emilia Romagna, quello di Laila El Harim nel Modenese. L’operaia quarantenne è morta la mattina del 3 agosto mentre lavorava nell’azienda di packaging “Bombonette” di Camposanto. L’operaia è stata trascinata e schiacciata da una fustellatrice, un grosso macchinario utilizzato per sagomare il materiale da imballaggio. La procura di Modena, a quanto si apprende, ha iscritto nel registro degli indagati il legale rappresentante dell’azienda stessa. L’iscrizione sarebbe da considerarsi come atto dovuto per chiarire la dinamica dell’incidente.

“Inaccettabile che nel 2021 si perda la vita per lavorare”  Alla luce degli ultimi tragici accadimenti è giunta “l’ora dei fatti per porre fine a questa mattanza, intollerabile piaga di una società civile: c’è bisogno di azioni che istituzioni ed autorità competenti mettano sul campo al fine di garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro”. Così in una nota i sindacati Fillea-Cgil di Modena, Filca-Cisl Emilia Centrale e Feneal-Uil di Bologna, Modena e Ferrara stigmatizzando l’infortunio sul lavoro che, a pochi giorni dalla morte di Laila El Harim, è costato la vita, al lavoratore rimasto schiacciato da un macchinario in un cantiere dell’autostrada A15, a Parma. Nell’esprimere “profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia del lavoratore”, rimarcano le organizzazioni sindacali, occorre dire “basta agli incidenti mortali sul lavoro” e, nella “piena fiducia verso gli organismi competenti cui spetta accertare la correttezza delle misure di prevenzione, la dinamica e le cause dell’infortunio mortale” che “venga fatta piena luce sulla vicenda e sulle eventuali responsabilità”. A giudizio dei sindacati di fronte al quadro attuale, “bisogna agire immediatamente affinché episodi analoghi non si ripetano più. Non è più tollerabile restare inermi a registrare quotidianamente morti sul lavoro. Il settore edile, così come tanti altri settori della nostra economia, paga ora i troppi anni di mancati investimenti in sicurezza e formazione, ed oggi una ripresa del settore corrisponde ad una vertiginosa crescita di infortuni gravi e mortali. È ora di dire basta. Basta ai morti sul lavoro, basta a barattare la salute e la vita dei lavoratori e delle lavoratrici con logiche di profitto. Non è più accettabile – concludono – che nel 2021 si perda la vita per lavorare”.

Articolo PrecedenteJolanda uccisa a 8 mesi dal padre che non voleva una figlia femmina: soffocata con un cuscino
Prossimo ArticoloIl Salotto delle Celebrità presenta i partner del festival di Venezia PhFormula e Senza Rughe
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.