Lorenzo Lunghi, lo studente di ventisette anni di Coverciano morto nell’incidente stradale avvenuto sabato sull’autostrada A12, nei pressi di Sarzana, era diretto in una frazione del Comune di Fivizzano per un banchetto di nozze. Viaggiava a bordo di uno dei furgoni noleggiato da una ditta di catering quando è stato travolto.

Viaggiava a bordo di un furgone noleggiato da una ditta di catering per andare a lavorare a un matrimonio Lorenzo Lunghi, lo studente di ventisette anni di Coverciano morto nell’incidente stradale avvenuto sabato scorso sull’autostrada A12, nei pressi di Sarzana. Il pubblico ministero Monica Burani ha disposto l’autopsia, che sarà effettuata giovedì. Subito dopo la salma tornerà nella disponibilità dei familiari che potranno organizzare il funerale nella loro città. La dinamica dell’incidente mortale è stata solo ipotizzata in una prima informativa della polizia stradale ma servono i riscontri dei tecnici per stabilirla con certezza. Secondo i rilievi, il ventisettenne sarebbe stato travolto dal furgone di un collega dopo che il mezzo è stato urtato dall’autocisterna condotta da un cinquantenne di Serravalle Scrivia. Ci sono però ancora diversi aspetti da chiarire.

La tragedia mentre cambiavano la gomma di un furgone – La vittima e i feriti viaggiavano su quattro furgoni ed erano diretti in una frazione del Comune di Fivizzano per un banchetto di nozze. Secondo la polstrada, i mezzi erano fermi in corsia d’emergenza, poco dopo lo svincolo per Carrara dell’A12, perché a un furgone era esplosa una gomma. Mentre stavano cambiando la gomma è sopraggiunto il tir che avrebbe urtato il primo furgone fermo, che poi a sua volta è finito sul mezzo posteggiato davanti. E così gli altri. Una carambola mortale che ha coinvolto il giovane di Coverciano. Oltre a Lorenzo Lunghi, otto persone sono rimaste ferite e una è ancora in gravi condizioni. Si tratta di una donna di cinquantaquattro anni. La procura di Spezia, intanto, va avanti con l’indagine, che vede indagato a piede libero per omicidio stradale il conducente del tir che ha travolto la colonna di furgoni. L’uomo, sotto shock, non avrebbe saputo ricostruire l’accaduto.