Incendio Sardegna, notte di fuoco a Oristano: circa 400 evacuati e strade chiuse, Canadair in azione

0
Incendio Sardegna, notte di fuoco a Oristano: circa 400 evacuati e strade chiuse, Canadair in azione.

Incendio Sardegna, notte di fuoco a Oristano: circa 400 evacuati e strade chiuse, Canadair in azione. Notte di paura in provincia di Oristano, dove una serie di incendi sono scoppiati nel tardo pomeriggio di ieri. Le emergenze hanno riguardano soprattutto Cuglieri, dove il rogo è arrivato fino alla piazza centrale e 40 persone sono state fatte allontanare da una casa di cura, Santu Lussurgiu, Tresnuraghes e Usellus. In azione i Canadair.

Notte di fuoco e paura in Sardegna, in particolare nella zona di Oristano, dove dalla serata di ieri sono scoppiati una serie di roghi che hanno costretto circa 400 persone in totale ad abbandonare le proprie abitazioni dopo che le fiamme hanno cominciato a lambire anche i centri abitati. Le emergenze hanno riguardato soprattutto Cuglieri, dove il rogo è arrivato fino alla piazza centrale e 40 persone sono state fatte allontanare da una casa di cura, Santu Lussurgiu, Tresnuraghes e Usellus. Anche la Statale 292 è stata chiusa. In campo le squadre antincendio di terra insieme ad elicotteri e Canadair per spegnere le fiamme che si sono sviluppate in serata. A Siamanna il comune ha allestito due centri per accogliere i cittadini: uno nella palestra comunale, l’altro nel salone parrocchiale. Al momento, tuttavia non si registrano feriti.

Incendio Sardegna, notte di fuoco a Oristano: circa 400 evacuati e strade chiuse, Canadair in azione.

L’incendio, scoppiato ieri, sul Montiferru, quando sono state raggiunte temperature da bollino rosso e alimentato dal forte vento, ha costretto anche all’evacuazione di un centinaio di famiglie a Santu Lussurgiu, che si sono aggiunte alle 200 di Cuglieri, dal momento che la zona è rimasta a lungo coperta da una coltre di fumo irrespirabile. Paura anche a Sennariolo, che è stato completamente evacuato: 155 gli sfollati. Il Corpo forestale, la Protezione civile, i vigili del fuoco e i volontari con squadre a terra hanno cercato di fare il possibile per arginare i roghi. In aiuto, quattro elicotteri della flotta regionale, a cui si sono stati  affiancati il Super Puma – il mezzo aereo dei vigili del fuoco – e quattro Canadair che stanno lanciando bombe d’acqua sulla zona. “Secondo una prima stima sommaria, tra Santu Lussurgiu e Cuglieri le fiamme hanno divorato circa 10mila ettari di territorio” ha detto il direttore generale della Protezione Civile della Sardegna, Antonio Belloi, in merito agli incendi scoppiati nell’Oristanese.

“Il terribile inferno di fuoco ancora devasta il Montiferru. Un gigantesco fronte di fuoco e distruzione che, nonostante gli sforzi incessati e incessanti dell’antincendio regionale, non accenna a cedere e che anzi si estende. Diamo forza agli amici di Santu Lussurgiu, Cuglieri, Sennariolo, Scano di Montiferro, Sennariolo ma purtroppo anche Tresnuraghes e Flussio, Magomadas, Tinnura, che vivono la distruzione del loro territorio.Una preghiera a Santa Barbara perché assista e protegga tutti coloro che, da terra e dal cielo, sono impiegati nelle operazioni di spegnimento dell’incendio e protezione dei cittadini”, ha scritto su Facebook poco fa Michele Pais, presidente del Consiglio regionale della Sardegna, condividendo anche una foto delle fiamme che si sono alzate alte nelle scorse ore. Coldiretti Sardegna parla invece in una nota di vera e propria catastrofe “e si prevede un’altra giornata da inferno. Oltre ai Comuni assediate dalle fiamme, ad essere devastati e accerchiata dalle fiamme sono anche le campagne con gli allevatori impegnati in una corsa contro il tempo anche durante la notte per recuperare gli animali, alcuni dei quali stati raggiunti dalle fiamme”.

Articolo PrecedenteTaranto, cerca di uccidere la moglie con delle forbici davanti alla figlia di 6 anni, poi si suicida
Prossimo ArticoloNardò, esplode bombola in casa vacanze: grave bimbo di 5 anni, ustioni su tutto il corpo
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.