Incendio a Milano, la copertura del grattacielo bruciato non era in Alucobond

0
Incendio a Milano, la copertura del grattacielo bruciato non era in Alucobond.

Incendio a Milano, la copertura del grattacielo bruciato non era in Alucobond. La copertura della facciata della Torre dei Moro, il grattacielo bruciato in via Antonini a Milano domenica pomeriggio, non è stata realizzata in Alucobond. Lo ha spiegato l’azienda tedesca che produce e commercializza questo tipo di materiale, brevettato e ignifugo. Per ricoprire la “vela” bruciata nel giro di pochi minuti potrebbe essere stato utilizzato un materiale “similare”: la procura dovrà chiarire quale.

Non era Alucobond il materiale utilizzato per la copertura della facciata della Torre dei Moro, il grattacielo bruciato in via Antonini a Milano domenica pomeriggio. A chiarirlo è stata la stessa azienda tedesca che produce e commercializza il materiale  – che è un marchio registrato -, la 3A Composites: “Alla luce del recente incendio alla Torre dei Moro di Milano, la Direzione di 3A Composites esprime solidarietà a tutte le persone colpite da questa sciagura – è l’inizio di una nota apparsa sul sito della società -. A differenza di quanto affermato da alcuni media, il pannello composito di alluminio (ACM) utilizzato nella Torre dei Moro di Milano non era Alucobond prodotto da 3A Composites. 3A Composites in qualità di produttore responsabile è consapevole del ruolo fondamentale che i materiali da costruzione stanno svolgendo in materia di sicurezza, e di conseguenza sostiene e avalla normative chiare e rigorose per quanto riguarda la protezione e la sicurezza in caso di incendio”.

“Alucobond è il nome commerciale di un prodotto ben preciso, quello che produciamo noi e nessun altro – ha poi precisato al quotidiano “La Repubblica” Paolo Lattuada, responsabile italiano dell’azienda tedesca -. È entrato nel linguaggio comune degli addetti ai lavori per indicare anche altri tipi di rivestimenti, ma Alucobond è un materiale che produciamo solo noi e noi non abbiamo rivestito la Torre dei Moro”.

Per la copertura utilizzato un materiale “similare” all’Alucobond

Già sul sito dell’azienda tedesca si poteva e si può leggere che il “vero” Alucobond è un “pannello composito costituito da due lamiere esterne di alluminio e un nucleo di sostanze minerali difficilmente infiammabili o ignifughe”. Una descrizione che poco si concilia con le immagini della “vela” del grattacielo bruciata come una torcia imbevuta di alcol, nel giro di pochi minuti. Ma allora in che materiale era stata realizzata la facciata del grattacielo, probabile “acceleratore” delle fiamme? In una delle schede tecniche sul lavoro di rivestimento del grattacielo, l’azienda che si è occupata dell’esecuzione, la Cantori Srl, scriveva che la copertura sarebbe stata realizzata in “pannelli compositi in Alucobond o similari”. Quale tipo “similare” di rivestimento sia stato utilizzato lo dovrà accertare la procura, che indaga per disastro colposo: il sospetto però è che tra i fogli di alluminio che abbellivano la facciata della “nave” di via Antonini sia stato utilizzato un materiale plastico, probabilmente il polietilene, meno resistente al fuoco ma il cui utilizzo comunque all’epoca di realizzazione del grattacielo, finito nel 2011, era consentito.

 

Articolo PrecedenteBimbo rom di 11 anni si presenta in caserma: “Mia mamma mi massacra di botte”
Prossimo ArticoloIl Salotto delle Celebrità presenta i partner del festival di Venezia Loredana Cosmano
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.