In Lombardia identificate sette varianti del Coronavirus tra febbraio e aprile del 2020

0
In Lombardia identificate sette varianti del Coronavirus tra febbraio e aprile del 2020.

In Lombardia identificate sette varianti del Coronavirus tra febbraio e aprile del 2020. Una mappatura del virus circolante in Lombardia già dai primi mesi dell’epidemia Covid ha permesso di identificare la presenza massiccia di ben 7 varianti virali, “alcune di queste selezionatesi probabilmente all’interno della stessa regione, altre introdotte da territori dislocati geograficamente in un intervallo temporale ridotto”. I ricercatori della Statale di Milano, dell’ospedale Niguarda e del San Matteo di Pavia hanno inoltre confermato la presenza di due “sub epidemie”.

Tra febbraio e aprile 2020 in Lombardia erano presenti sette varianti del virus Sars-Cov-2, “alcune di queste selezionatesi probabilmente all’interno della stessa regione, altre introdotte da territori dislocati geograficamente in un intervallo temporale ridotto” e due “sub epidemie”, una nella zona meridionale e l’altra nel nord. È la conclusione di uno studio condotto da ricercatori dell’Università Statale di Milano, dell’ospedale Niguarda e del Policlinico San Matteo di Pavia e pubblicato sulla rivista Nature Communications. La ricerca è stata condotta a partire dal sequenziamento di 346 genomi collezionati in tutto il territorio lombardo.

In Lombardia nei primi mesi del 2020 c’erano 7 varianti di Coronavirus
Nei primi mesi del 2020, spiegano gli autori della ricerca, è stato rilevato in Lombardia il più numero di varianti Covid al mondo. Almeno due di queste “probabilmente provenivano dall’Italia”, si legge nello studio, e tre su 7 hanno subito un’amplificazione tale da provocare la presenza di importanti cluster locali di trasmissione. Ciò indica che il nuovo Coronavirus “circolasse in modo silente in tutto il territorio lombardo già un mese prima del caso diagnosticato in provincia di Lodi”, spiegano i ricercatori. Un rilievo che conferma quanto già riportato da altri studi.

Due “sub epidemie” in pochi mesi

Le due “sub epidemie” di cui si era già ipotizzata l’esistenza nei mesi scorsi, trovano ora una più precisa collocazione grazie a uno studio “filogeografico” focalizzato sulla circolazione dei diversi lignaggi nei territori. La prima è stata preponderante nel sud della Lombardia, con le province di Lodi e Cremona investite maggiormente. La seconda si è diffusa principalmente nel nord della Lombardia, con Bergamo e i suoi territori adiacenti, sopratutto Alzano Lombardo e Nembro in Val Seriana.

“Differenze sono state riscontrate nella distribuzione geografica delle tre linee più rappresentate in Lombardia (B.1, B.1.1 e B.1.5) – si legge nello studio -. Il lignaggio B.1 ha colpito principalmente la Lombardia meridionale, comprese Lodi, Cremona e Mantova, con il 90,2% delle sequenze di queste province appartenenti a questo lignaggio, mentre nel nord della Lombardia, principalmente a Como, Lecco, Bergamo e territori limitrofi come Alzano e Nembro, il 62,7% delle sequenze apparteneva alla stirpe B.1.1. Infine, la linea B.1.5 è stata rilevata principalmente a Pavia, con un cluster locale in quest’area composto da 23 sequenze B.1.5″.

Articolo PrecedentePeter e Laura uccisi a Bolzano: ipotesi avvelenamento
Prossimo ArticoloIncidente a Zibido, Cristian muore a 24 anni nel giorno del suo compleanno: lascia bimbo di un anno
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.