In Italia i genitori possono accedere all’account Facebook del figlio deceduto?

0

In Germania il tribunale ha concesso ai genitori di accedere al profilo Facebook della figlia mancata nel 2012. Cosa accadrebbe in Italia?

I genitori di una ragazza di 15 anni, investita dal treno di una metropolitana nel 2012, avranno diritto ad accedere al suo profilo Facebook. Questa la decisione finale della Bundesgerichtshof, la Corte suprema federale tedesca.

Secondo quanto riportato dalla Bbc, la richiesta di accesso ai dati digitali della ragazza da parte dei genitori era volta, tra le altre cose, a stabilire se si fosse trattato di un incidente, o di suicidio (in quel caso, il macchinista avrebbe diritto a un risarcimento).

Il tribunale ha stabilito che il contratto con Facebook della ragazza facesse parte dell’eredità dei genitori, al pari di diari e della corrispondenza privata: il giudice Ulrich Herrmann ha dichiarato che non c’era motivo di trattare diversamente i contenuti digitali. L’avvocato tedesco che ha rappresentato Facebook, Christian Rohnke, ha fatto sapere a DW che non crede ci sarà un appello da parte dell’azienda.

In Italia, cosa sarebbe successo?
La materia sarà disciplinata dal decreto di attuazione del Gdpr che dovrebbe essere realtà da qui a una decina di giorni, ci spiega Guido Scorza, avvocato e docente di diritto delle nuove tecnologie: “Secondo lo schema di cui sono a conoscenza, trasmesso dal Governo al Parlamento, i genitori (parliamo di loro, in questo caso) possono accedere quando lo preveda la legge in occasione di un interesse proprio o di ragioni familiari meritevoli di protezione.

Per intendersi, non potrebbero chiedere un accesso per ragioni di curiosità o legame emotivo, ma dovrebbero avere un interesse giuridico loro (mettiamo il caso di un’assicurazione) o nell’interesse diretto della persona che non c’è più (vedi difesa della sua reputazione)“.

Facebook, però, offre agli utenti la possibilità di individuare un contatto erede. In quel caso, secondo Scorza, si configurerebbe un’eccezione: “Se l’utente, attraverso il consenso informato, indica che i dati siano completamente cancellati oppure offre alternative di nomi che possano ereditare i propri dati digitali in caso di morte, ha disposto delle volontà precise. Se i nomi dei parenti non comparissero tra le alternative indicate, allora non potrebbero accedere”.

In merito al contatto erede, Facebook offre già la possibilità alla persona di compiere solo alcune azioni limitate, tra cui fissare un post in alto nel diario della persona mancata, rispondere a nuove richieste di amicizia e aggiornare l’immagine del profilo. Il contatto erede non può accedere alla posta, rimuovere o modificare post, foto e altri contenuti condivisi sul diario dell’utente né, di fatto, accedere all’account.

Alla luce di questa policy probabilmente è stata presa una decisione, proprio in Italia, a gennaio scorso. Il social network ha infatti bloccato a una madre l’accesso alla Pagina del figlio, sulla quale postava a nome suo rispondendo agli amici.

Articolo PrecedenteWhatsApp, novità e rumors
Prossimo ArticoloStati Uniti, Facebook, Twitter e YouTube pronte a testimoniare davanti alla Camera
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.