In comunità per rapina si impicca a 16 anni. Il biglietto: “Mamma, qui non ci volevo stare”

0
In comunità per rapina si impicca a 16 anni.

In comunità per rapina si impicca a 16 anni. Il biglietto. Il sedicenne che si è suicidato in comunità a Villa di Briano (Caserta) ha lasciato un biglietto alla madre: “Perdonami – ha scritto – non è colpa tua ma te lo avevo detto che in comunità non ci volevo stare”. Il ragazzo era accusato di una rapina a Scafati e sospettato di un altro colpo a Pompei. Il corpo senza vita trovato in uno dei bagni.

“Mamma, questo è per te, perdonami. Non è colpa tua, ma te lo avevo detto che in comunità non ci volevo stare”. Sono le ultime parole che ha scritto prima di suicidarsi il 16enne di Boscoreale (Napoli) trovato senza vita in una comunità di Villa di Briano, in provincia di Caserta. Un messaggio indirizzato alla madre in cui chiede scusa, ma spiega anche i motivi di quel gesto. Il biglietto è stato ritrovato accanto al corpo dai carabinieri di Aversa, intervenuti dopo la scoperta del corpo.

Il giovane si trovava nella comunità dallo scorso 27 novembre su ordine del Tribunale dei Minori. Era destinatario di una misura cautelare, accusato della rapina aggravata di un iPhone, in concorso con altri ragazzi, avvenuta a settembre a Scafati (Salerno); era sospettato anche di un altro raid, avvenuto ai danni di una coppietta a Pompei, nel Napoletano, che da Scafati dista pochi chilometri. Domenica scorsa era scappato dalla comunità ed era tornato a casa, nel Piano Napoli di Boscoreale, ma la madre lo aveva riaccompagnato a Villa di Briano.

Il corpo del giovane è stato trovato in uno dei bagni della struttura. Si era impiccato. Inutili i tentativi di rianimarlo, all’arrivo dei soccorritori era già deceduto. Sulla salma è stata predisposta l’autopsia dalla Procura di Napoli Nord e sono state avviate le indagini per chiarire le circostanze della morte. Dopo l’esame autoptico la salma verrà restituita alla famiglia per consentire i funerali.

Le indagini sono affidate ai carabinieri della Compagnia di Aversa. I militari in queste ore stanno ascoltando gli altri ospiti della comunità e i responsabili per capire se il giovane avesse già lanciato messaggi nei giorni scorsi che avrebbero potuto far pensare al gesto che si apprestava a compiere.

Articolo PrecedenteInsulti e percosse su bimbi di 3 anni, arrestata maestra nel Cuneese
Prossimo ArticoloNo all’attenuante della “tempesta emotiva”: condannato a 30 anni l’assassino di Olga Matei
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.