Il piccolo Lorenzo morto a Novara: condannati all’ergastolo madre ed ex compagno

0
Il piccolo Lorenzo morto a Novara: condannati all’ergastolo madre ed ex compagno.

Il piccolo Lorenzo morto a Novara: condannati all’ergastolo madre ed ex compagno. Gaia Russo, 23 anni, e Nicolas Musi, 24, erano a processo per i maltrattamenti e la morte del bambino di 19 mesi. Il piccolo era morto per le percosse ricevute la mattina del 23 maggio 2019 nell’appartamento della coppia in corso Trieste a Novara. L’uomo sarebbe l’esecutore materiale del delitto, mentre la donna non avrebbe fatto nulla per impedirle nell’immediatezza, fornendo anche un alibi al compagno.

Due ergastoli per l’omicidio, nel maggio 2019 a Novara, del piccolo Leonardo, venti mesi appena. Condannati la madre Gaia Russo, 23 anni, e il compagno dell’epoca della donna, Nicolas Musi, 24 anni. La corte ha accolto la richiesta del pm Silvia Baglivo. Il bimbo era stato portato nel maggio di due anni fa all’ospedale della città del Piemonte con il corpicino ricoperto di lividi ormai agonizzante, in fin di vita. Purtroppo i medici non avevano potuto far nulla per salvarlo.

Gaia Russo e Nicolas Musi erano andati a processo con l’accusa di omicidio volontario aggravato, lesioni e maltrattamenti per cagionato la morte del bambino con le percosse. Secondo l’autopsia, a provocare la morte causando l’emorragia al fegato ha portato al decesso del piccolo di mezzora era stato un violento colpo all’addome. Si sono costituiti parte civile la nonna del bambino e il papà. Inizialmente la madre aveva cercato di fare credere che Leonardo fosse stato ridotto in fin di vita da una caduta, ma la verità è emersa molto rapidamente. “Non ho alzato io le mani sul bambino” aveva allora cercato di difendersi.

Per l’accusa non c’era dubbi sul fatto che l’esecutore materiale del delitto fosse Musi, che ha anche ammesso alcune percosse. Ma secondo la pm altrettanto responsabile era stata la madre del bimbo, che non avrebbe fatto nulla per impedire il dramma  e, nell’immediatezza, ha anzi fornito un alibi al compagno (la caduta), per poi cambiare versione una volta arrestata. Musi aveva anche tentato il suicidio in carcere.

I referti dell’esame autoptico sul corpicino del piccolo avevano lasciato senza parole. Leonardo è morto a causa di un colpo violento all’addome, che avrebbe causato emorragia al fegato che ha causato a sua volta la morte. Nessuna caduta dal lettino, come dichiarato inizialmente dai due, ma una “violenza inaudita consumata sul corpo del piccolo”, dice il procuratore capo.

Articolo PrecedenteDALLA SCUOLA DEL CIOCCOLATO PERUGINA I BISCOTTI DI PASQUA PER LIBERARE LA FANTASIA E DIVERTIRSI IN FAMIGLIA DURANTE LE FESTE
Prossimo ArticoloSi scontra contro un camion mentre guida la moto: muore giovane papà 35enne
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.