Il nuovo responso EMA su Astrazeneca: “Casi di trombosi molto rari, benefici superano i rischi”

0
Il nuovo responso EMA su Astrazeneca.

Il nuovo responso EMA su Astrazeneca.“Casi di trombosi molto rari, da inserire nel bugiardino, i benefici continuano a superare i rischi”: lo ha detto l’Agenzia europea del farmaco (Ema) pronunciandosi nuovamente sul vaccino anti-Covid prodotto da AstraZeneca, da diverse settimane è al centro di ulteriori indagini rispetto ad alcuni casi di trombosi segnalati in vari Paesi.

L’Agenzia europea del farmaco (Ema) si è pronunciata nuovamente sul vaccino anti-Covid prodotto da AstraZeneca, che da diverse settimane è al centro di ulteriori indagini rispetto ad alcuni casi di trombosi segnalati in vari Paesi. L’Ema ha concluso che dei casi molto rari di insoliti coaguli nel sangue con piastrine basse potrebbero essere classificati come reazioni avverse molto rare del vaccino AstraZeneca. “Il nostro comitato di sicurezza continua a ritenere che i benefici del vaccino superano i rischi di reazioni avverse collegate al vaccino. Il coronavirus continua a mietere moltissime vittime”, ha sottolineato Emer Cooke, direttrice dell’Ema, precisando però che l’Agenzia non è riuscita a riscontrare particolari rischi per alcune categorie di persone.

Cosa ha detto l’Ema sul vaccino AstraZeneca
“Continueremo a monitorare le evidenze scientifiche e se necessario comunicheremo nuove raccomandazione. Questo caso ci mostra le sfide di una campagna di vaccinazione di massa. E ci mostra anche come il nostro comitato di vigilanza stia funzionando”, ha aggiunto Cooke passando poi la parola alla presidente del Prac, Sabine Straus: “I rischi sono molto rari e i benefici sono di gran lunga superiori. I casi segnalati sono stati riscontrati solo nell’area dell’Unione europea e del Regno Unito. La nostra conclusione è che questi eventi di coaguli potrebbero essere degli effetti avversi molto rari del vaccino, ma i dati disponibili attualmente non ci permettono di determinarne le cause. Rispetto alle informazioni che abbiamo non possiamo determinare se ci siano precisi fattori di rischio, come l’età o il genere, e pertanto non possiamo dare indicazioni specifiche in questo senso. AstraZeneca dovrà condurre degli studi per investigare ulteriormente queste reazioni”.

“Abbiamo visto che i rischi in effetti sembrano essere predominanti nelle donne e nei giovani. Quello che sappiamo è che la Covid-19 è una malattia molto seria, e che i benefici del vaccino AstraZeneca sono superiori nel prevenire sintomi gravi”, ha proseguito Straus rispondendo a una domanda rispetto ai rischi di coaguli e trombosi nelle giovani donne. “Dobbiamo capire che i vaccini ci stanno aiutando nella lotta contro il virus e dobbiamo avere fiducia”, ha aggiunto Cooke.

Le decisioni dei ministri della Salute

I ministri della Salute dell’Unione europea ora dovrebbero incontrarsi a breve per stabilire la linea comune. Negli ultimi giorni diversi Paesi avevano deciso in autonomia di sospendere l’uso del vaccino della farmaceutica anglo-svedese sui soggetti più anziani. Ora che l’Ema si è pronunciata ulteriormente gli Stati membri dovranno decidere una linea comune da seguire.

A marzo il via libera dell’Ema dopo alcuni casi sospetti di trombosi
Già lo scorso marzo l’Agenzia si era riunita per analizzare alcune segnalazioni di trombosi venose cerebrali riscontrate dopo il vaccino. Eventi a cui era seguita anche una sospensione delle somministrazioni in diversi Paesi, tra cui l’Italia. L’Ema in quell’occasione aveva sottolineato che il vaccino fosse “efficace e sicuro, non associato al rischio di sviluppare trombi o coaguli del sangue”. E appena qualche settima fa la direttrice dell’Ema aveva ribadito come i benefici superassero di gran lunga i rischi, precisando però che avrebbero comunicato nuove istruzioni per i medici se si fossero riscontrate delle relazioni tra “gli eventi rari di trombosi e il vaccino”.

Articolo PrecedenteBari, un 14enne affetto da autismo è stato picchiato mentre giocava in spiagga
Prossimo ArticoloTorino, trovato morto in casa un uomo di 90 anni: ipotesi omicidio
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.