Il monitoraggio delle varianti Covid in Italia: l’elenco delle Regioni dove sono più diffuse

0
Il monitoraggio delle varianti Covid in Italia

Il monitoraggio delle varianti Covid in Italia. Dove si trovano le varianti del Covid in Italia? Dal Piemonte alla Lombardia, dal Lazio all’Abruzzo, ecco dove sono diffuse le varianti inglese, sudafricana e brasiliana nel nostro Paese. In attesa della mappa ufficiale che verrà stilata sulla base dei dati elaborati dal “Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del SARS-CoV-2”, è possibile monitorare la situazione attuale grazie ai dati ufficiali di GISAID, la piattaforma internazionale accreditata per l’inserimento delle sequenze genomiche del Coronavirus.

Le varianti del Coronavirus sono arrivate anche in Italia. Da quella inglese alla sudafricana passando per la variante brasiliana, sono stati identificati negli ultimi giorni casi collegati a ciascuna delle tre mutazioni al momento conosciute di Sars-CoV-2 che preoccupano scienziati ed istituzioni. Sarebbero, infatti, tutte accomunate, nonostante siano comparse per la prima volta in territori lontanissimi tra di loro, da una maggiore contagiosità rispetto al ceppo originario. La sfida, ora, è riuscire a identificarle, e gli strumenti migliori per farlo sono innanzitutto i test molecolari e il sequenziamento genetico, e a bloccarne la trasmissione accelerando la campagna di vaccinazione, dal momento è che i sieri in via di somministrazione sarebbero efficaci anche contro le varianti del virus. Attualmente però, non ci sono ancora dati ufficiali sulla loro diffusione del nostro Paese, anche se li avremo a breve grazie al “Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del SARS-CoV-2”, coordinato dall’Istituto superiore di Sanità (ISS) con il patrocinio della Società italiana di Virologia, nato proprio con questo scopo e che trasmetterà direttamente all’Istituto superiore di Sanità i risultati ottenuti.

Tuttavia, è possibile monitorare la situazione attuale grazie ai dati ufficiali di GISAID, la piattaforma internazionale accreditata per l’inserimento delle sequenze genomiche del Coronavirus, che fa parte del consorzio PREDEMICS finanziato dalla Commissione Europea. Stando a quanto riportato sul sito di riferimento, la più diffusa in Italia è certamente, forse anche per una questione di vicinanza geografica, la variante inglese, nota come B117, comparsa lo scorso settembre per la prima volta nell’area compresa tra Londra e il Kent. Al momento si contano ben 143 casi, di cui 2 in Piemonte, 5 in Veneto, 3 nelle Marche, 4 in Toscana, 93 in Abruzzo, 10 nel Lazio 10, 14 in Campania e 12 Puglia. Ma si tratta solo dei contagi volontariamente comunicati al portale dai singoli laboratori. Ad esempio, mancano all’appello i 18 casi di variante inglese della Lombardia, di cui 14 appartenenti al focolaio di Corzano, in provincia di Brescia, dove addirittura un cittadino su 10 potrebbe essere stato infettato dal virus mutato.

Meno diffuse al momento, sempre sulla base dei dati disponibili, sono la variante brasiliana, che secondo la piattaforma GISAID conta 1 caso sequenziato in Friuli, e quella sudafricana con 1 caso nel varesotto. La prima è stata isolata a fine gennaio, già a Varese e poi in Abruzzo. Per quanto riguarda la variante sudafricana, si tratta di un uomo rientrato nei giorni scorsi da un Paese africano all’aeroporto di Malpensa e la segnalazione è arrivata dall’ospedale di Varese dell’Asst Sette Laghi, dove la prima identificazione è avvenuta nel Laboratorio di Microbiologia dello stesso ospedale. In attesa dunque di dati ufficiali, ciò che è certo è che le varianti del Covid-19 circolano già in Italia. Bisognerà attendere ancora un po’ per avere una mappa ufficiale.

Articolo PrecedenteTrova la sua ex su Tinder e la segue durante un appuntamento: morta una ragazza di 28 anni
Prossimo ArticoloValentina Fodde trovata morta sul greto del fiume: “Non si è suicidata, indagate”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.