Il mistero dell’uomo entrato in una grotta sull’Etna e mai più uscito: resti trovati 40 anni dopo

0
Il mistero dell’uomo entrato in una grotta sull’Etna e mai più usci.

Il mistero dell’uomo entrato in una grotta sull’Etna e mai più usci. L’uomo dall’apparente età di 50 anni sarebbe entrato nella grotta lavica volontariamente oltre 40 anni fa senza più uscirne. Per cercare di risolvere il mistero sula sua identità gli investigatori hanno diffuso il dettaglio degli abiti che indossava tra cui cravatta e cappello di lana con pon-pon.

Quella che doveva essere una normale esercitazione del Soccorso alpino dei Finanzieri etnei con le proprie unità cinofile sulle pendici del vulcano siciliano si è trasformata alla fine nel recupero dei resti di un uomo, trovati per caso in una grotta lavica, e una indagine alla ricerca della sua identità per dipanare quello che appare un mistero. I soccorritori infatti si sono imbattuti nei resti di un uomo dall’apparente età di 50 anni che sarebbe entrato nella grotta volontariamente oltre 40 anni fa senza più uscirne. Dai primi esami sembra che l’uomo sia morto per cause non violente: probabilmente non riuscendo più ad uscire dalla grotta che è difficilmente accessibile. Il problema però e che nessuno pare ne abbia denunciato la scomparsa visto che dai dati che le forze dell’ordine sono riuscite ad incrociare non è stata trovata per ora una segnalazione sulla scomparsa di un uomo nel territorio con simili caratteristiche.

I resti dell’uomo, alto circa un metro e settanta e con delle malformazioni congenite a naso e bocca, sono stati individuati per caso da cane da ricerca e soccorso Halma, un pastore tedesco della Guardia di Finanza che partecipava all’esercitazione nel territorio di Zafferana Etnea. L’animale infatti ha iniziato ad abbaiare insistentemente all’ingresso della grotta facendo scattare l’allerta dei soccorritori. I resi della salma così come i vari reperti individuati nella grotta sono stati recuperati e analizzati dalla Sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale dei carabinieri di Catania. Dai primi risultati delle analisi è emerso che il decesso risalirebbe a un periodo compreso tra la fine degli anni Settanta e gli anni Novanta. Dai reperti trovati sul posto l’uomo pare fosse attrezzato per la montagna ma per qualche motivo poi è entrato nella grotta dove è morto.

Per cercare di risolvere il mistero sula sua identità gli investigatori hanno diffuso il dettaglio degli abiti che indossava: lunghi pantaloni scuri, una camicia chiara a righe, un leggero maglione di lana, una cravatta nera, una mantellina di nylon verde scuro, un cappello di lana con pon-pon e degli scarponcini Pivetta n. 41. Sul luogo dei resti erano presenti anche delle monete di vecchie lire e un orologio Omega con cinturino e un piccolo pettine con custodia. Eventuali segnalazioni di persone scomparse che corrispondano alla descrizione possono farsi al numero di telefono 0955192125 del comando provinciale della Guardia di Finanza di Catania.

 

Articolo PrecedenteParla l’ex pugile che ha salvato la vicina di casa da uno stupro: “L’aggressore le stava sopra”
Prossimo ArticoloIl cantautore Massimiliano Balocchi vincitore del Disco D’Oro per l’etichetta Boot Recordings
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.