Il governo vuole estendere l’utilizzo del green pass per convincere tutti a vaccinarsi

0
Il governo vuole estendere l’utilizzo del green pass per convincere tutti a vaccinarsi.

Il governo vuole estendere l’utilizzo del green pass per convincere tutti a vaccinarsi. La ministra Gelmini apre all’ipotesi di utilizzare in modo più ampio il green pass, ma senza guardare agli altri Paesi e al modello francese. La “via italiana” proposta dalla ministra comporta una valutazione da parte del governo “di estendere l’utilizzo del green pass ad altri servizi nella logica di incentivare le vaccinazioni”. Duro Salvini dopo l’incontro con Draghi: “Non devi tirare fuori la siringa o un tampone per andarti a bere un cappuccino o mangiare una pizza”. I presidenti delle Regioni chiedono chiarezza al governo.

Il governo sta riflettendo sull’utilizzo del green pass. Si parla tanto di modello francese, ovvero richiedere la certificazione verde anche per entrare al ristorante, al bar, al cinema o salire sul treno. Il governo e Mario Draghi ci pensano, perché la variante Delta fa paura e le previsioni degli esperti dicono che presto sarà prevalente anche in Italia. La ministra per gli Affari Regionali, Mariastella Gelmini, ha aperto all’ipotesi di una revisione dell’uso del green pass: “In Italia abbiamo raggiunto un risultato molto importante, stiamo confermando le 500mila vaccinazioni ogni giorno, anzi le abbiamo tendenzialmente superate e questo è un fatto positivo – ha spiegato – Però sicuramente la variante Delta ci preoccupa e quindi credo che si debba trovare una via italiana all’utilizzo ampio del Green pass“. La ministra forzista, intervenuta a margine di un incontro al Parlamento europeo, ha aggiunto che “su questo non inseguiamo modelli stranieri, ma certamente il governo valuterà di estendere l’utilizzo del green pass ad altri servizi nella logica di incentivare le vaccinazioni“.

Intanto Matteo Salvini, che ha incontrato Draghi in mattinata, esclude categoricamente l’idea: “Ne abbiamo parlato ma non metto in bocca opinioni al presidente – ha spiegato uscendo da Palazzo Chigi – Diciamo che le scelte estreme non piacciono né a me né a Draghi, noi non siamo per gli estremismi“. Il modello francese “non è un modello, è fuori discussione“. Il segretario della Lega ha precisato che “ovviamente bisogna continuare con il rispetto delle regole per situazioni di grande assembramento“, poi ha rincarato la dose: “Nessun modello francese, non devi tirare fuori la siringa o un tampone per andarti a bere un cappuccino o mangiare una pizza“. Certo “se ci sono eventi particolarmente affollati, come lo stadio, ci può essere una richiesta di controlli sacrosanta“. Il vaccino contro il Covid “deve essere una scelta consapevole, non un obbligo“.

L’ipotesi di inserire un obbligo vaccinale indiretto ha suscitato reazioni diverse da parte dei presidenti delle Regioni. Se ieri sia Toti che Fontana si erano schierati a favore di una revisione del green pass su modello francese, oggi il presidente della Conferenza e del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha chiesto principalmente chiarezza: “Se abbiamo deciso di varare il green pass allora dobbiamo sfruttarlo, anche perché ricordo che, tra l’altro, non viene rilasciato esclusivamente dopo il completamento del ciclo vaccinale, ma anche a fronte della guarigione dal Covid oppure di un tampone negativo“, ha spiegato al Messaggero Veneto. “Per questo sostengo che dovremmo sederci tutti assieme, attorno a un tavolo, e decidere come sfruttare al meglio questo strumento, anche se temo che dovremo risolvere i problemi legati alla burocrazia italiana“.

Articolo PrecedenteMarco Eletti, lo scrittore di thriller arrestato. “Ha ucciso il padre perché ha scoperto la sua doppia vita”
Prossimo ArticoloViolenze nel carcere di Santa Maria. La figlia di un detenuto: “Non si deve ripetere”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.