Il governo pensa all’obbligo vaccinale contro il Covid per alcune categorie

0
Il governo pensa all’obbligo vaccinale contro il Covid per alcune categorie.

Il governo pensa all’obbligo vaccinale contro il Covid per alcune categorie. Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, apre nuovamente all’ipotesi di un obbligo vaccinale contro il Covid solo per alcune categorie. Tra queste ci sono le “fasce d’età over 50 e over 60” o chi è “a stretto contatto con il pubblico”. Costa sottolinea anche che “non è giusto che chi si è vaccinato debba sopportare misure restrittive a causa di una minoranza che non si è vaccinata”. E ipotizza misure differenziate per chi non è immunizzato.

Nel governo si torna a parlare di obbligo vaccinale contro il Covid, ma solo per alcune categorie. Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, ha aperto all’ipotesi in due diverse interviste rilasciate questa mattina a Cusano Tv e Radio anch’io. “L’obbligo vaccinale per alcune categorie non è assolutamente un tabù e siamo pronti a prenderlo in considerazione – ha assicurato Costa – Ora affrontiamo queste settimane, vediamo quali saranno i dati delle vaccinazioni, dopodiché ci auguriamo che vi sia un senso di responsabilità che prevalga”. Ciò che protegge dal Covid, ha ricordato il sottosegretario, “è il vaccino e non il tampone”, per questo motivo “non è giusto che chi si è vaccinato debba sopportare misure restrittive a causa di una minoranza che non si è vaccinata”. Per Costa le alternative, a questo punto, non sono molte: “Proseguire con le misure restrittive imponendole anche a chi si è vaccinato o introdurre delle distinzioni, oppure introdurre degli obblighi vaccinali per alcune categorie come alcune fasce d’età over 50 e over 60, dove ci sono molti concittadini che non si sono vaccinati e alcune categorie a stretto contatto con il pubblico”.

L’obiettivo prefissato è raggiungere “il 90% dei vaccinati”, poi si può aprire una fase nuova e “rivedere anche le misure restrittive, come l’utilizzo del green pass”. Quando nove italiani su dieci saranno vaccinati contro il Covid si potrà parlare di “gestione endemica”, secondo Costa: “Ormai c’è la consapevolezza che non possiamo più parlare di immunità di gregge, perché anche un vaccinato può contrarre il virus, ma lo contrae in maniera molto più lieve”. L’obiettivo del governo è “fare in modo che nessun cittadino muoia più di Covid e che nessuno finisca più in terapia intensiva”. Mancano ancora “circa 2 milioni di cittadini per raggiungere questo obiettivo, spero maturi in loro la consapevolezza che grazie alla loro vaccinazione non solo mettono al riparo la propria vita, ma permettono anche al Paese di proseguire nel percorso di ritorno alla normalità e di ripresa economica”.

Costa ha spiegato anche che, sul possibile prolungamento dello stato di emergenza, “le eventuali valutazioni saranno fatte al momento opportuno”. I cittadini sono preoccupati dalle misure restrittive, come “l’obbligo del green pass”, ma “dobbiamo anche dire che oggi i cittadini non vaccinati possono usufruire delle libertà che sono state nel frattempo riconcesse grazie a quei 45 milioni di concittadini che si sono vaccinati”, ha ribadito il sottosegretario. Al centro dell’attenzione c’è anche il tema terza dose per tutti: “Mi auguro che non diventi un tema di dibattito politico – ha sottolineato Costa – C’è bisogno di uniformità nel Paese, seguiamo le indicazioni della comunità scientifica”.

Articolo PrecedenteAnziana uccisa, i due killer hanno speso i quaranta euro di bottino in birre
Prossimo ArticoloCleo Smith ritrovata in una casa chiusa a chiave, la gioia della mamma: “La famiglia di nuovo unita”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.