Il figlio di Ventura e Bettarini: ‘I miei aggressori pestati in cella’

0
Niccol?? Bettarini, uno dei due figli di Simona Ventura e Stefano Bettarini in una foto tratta dal suo profilo Facebook. PROFILO NICCOLO' BETTA BETTARINI +++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA +++ ++ HO - NO SALES - EDITORIAL USE ONLY ++

‘Dagli ultra’ dell’Inter’. Ma gli inquirenti smentiscono

Niccolò Bettarini, il figlio 19enne di Stefano Bettarini e Simona Ventura aggredito a coltellate davanti ad una discoteca milanese il primo luglio, quando era in ospedale, stando ad un’intercettazione, avrebbe ‘ricevuto la visita dei capi della curva dell’Inter’, i quali ‘gli hanno detto che a San Vittore hanno fatto picchiare i suoi aggressori, li hanno fatti gonfiare come le prugne sia dagli sbirri che da quelli dentro’. Ma gli inquirenti smentiscono: nessun pestaggio in carcere.

“Si avvicina sto ‘albanollo’ e mi dice ‘tu c’hai gli orecchini come i miei’ (…) mi ha dato il buffettino in faccia, io gli ho dato un cartone (…) e poi boh me ne sono trovati quindici addosso (…) da lì non ho più capito niente”. Così, intercettato al telefono con un amico lo scorso 7 luglio, Niccolò Bettarini, figlio di 19 anni di Stefano Bettarini e Simona Ventura aggredito a calci, pugni e coltellate lo scorso 1 luglio davanti alla discoteca ‘Old Fashion’, a Milano, ha raccontato quanto accaduto in quelle prime ore del mattino. L’intercettazione è agli atti dell’inchiesta condotta dalla Squadra mobile e coordinata dal pm Elio Ramondini. Il gip ha disposto il rito immediato a carico dei quattro fermati per tentato omicidio e gli imputati in questi giorni chiederanno tutti di essere giudicati con rito abbreviato. Il legale di Alessandro Ferzoco, l’avvocato Mirko Perlino, in particolare, ha chiesto l’abbreviato condizionato alla testimonianza di Bettarini in aula e all’acquisizione della sua cartella clinica.

Articolo PrecedenteMeteo Italia. Atmosfera molto instabile: rischio temporali
Prossimo ArticoloDietrofront Spagna, venderà bombe a Riad
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.