“Il Covid uccide, mia madre se n’è andata in poche ore”. Doriana Decimo, insegnante napoletana di 58 anni, è morta all’Ospedale del Mare perché affetta da Covid-19. La donna non aveva alcuna patologia pregressa e il virus l’ha strappata all’affetto dei suoi cari in pochissimo tempo. La figlia Germana nonostante il grave lutto e la paura per la sua condizione di positiva al tampone lancia un appello a Fanpage.it: “State attenti, il virus esiste, non è ancora finita”.

«Io vorrei dire che purtroppo di Covid si muore. Vorrei davvero che tutti smettessero di dubitare, di pensare sempre a complotti, alla convinzione che tutto questo non sia vero. Tutto questo è vero, vorrei che le persone lo capissero e prendessero misure per evitare che questo possa accadere a qualcun’altro». Germana ha 26 anni ed è la figlia di Doriana Decimo, insegnante napoletana molto stimata, del quartiere di Fuorigrotta, morta a causa del Covid 19 senza, tuttavia, presentare patologie pregresse o i classici sintomi del virus. Mentre racconta a Fanpage.it la sua storia Germana non vive solo il dramma di non aver potuto neanche stringere la mano a sua madre, ma quello di aver scoperto di essere anche lei positiva al coronavirus, insieme a suo padre e a sua nonna. «Non abbiamo viaggiato all’estero, mamma era sempre attenta, aveva mascherina e igienizzante anche perché c’era nonna a casa che era anziana. Vorrei veramente spingere le persone a capire che il pericolo non è passato».

Doriana Decimo, professoressa di 58 anni è morta all’Ospedale del Mare, presidio in cui era stata trasferita dopo essere stata inizialmente trasportata dal 118 all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Qui, racconta Germana, è stata sottoposta al test sierologico, risultato negativo. A causa di una serie di complicanze che hanno evidenziato una possibile miocardite è stato chiesto un consulto al Monaldi, ospedale specializzato in Cardiologia, che per accettare il ricovero ha richiesto il tampone. Nel frattempo le condizioni della donna sono peggiorate e dopo essere stata rianimata al San Paolo, si è deciso di trasferirla all’Ospedale Del Mare, perché il tampone è risultato positivo al Covid -19.

«Ci hanno detto che questa estate potevamo tornare alla vita normale, abbiamo iniziato a uscire nuovamente, anche se con le precauzioni. Però bisogna sempre tenere alta l’attenzione. Mamma era una persona splendida, piena di progetti e molto interessata alle tematiche ambientali. Da un po’ di anni era diventata vegana». Germana, suo padre e sua nonna sono nel frattempo risultati positivi al Covid mentre suo fratello, a soli 21 anni, si ritrova a vivere isolato anche dal resto della sua famiglia, perché l’unico a essere risultato negativo al test del tampone. «È una specie di incubo, perché non possiamo piangere mia madre perché dobbiamo preoccuparci di come stiamo».