Il cadavere trovato a Temù è senza vestiti e con la testa rasata: perché può essere Laura Ziliani

0
Il cadavere trovato a Temù è senza vestiti e con la testa rasata.

Il cadavere trovato a Temù è senza vestiti e con la testa rasata. Emergono nuovi particolati sul cadavere trovato a Temù: il corpo è stato trovato senza vestiti e con la testa rasata, come riportano i media locali. Ora gli inquirenti attendono la conferma del Dna e dell’autopsia per avere tutte le certezze, ma con il passare delle ore aumentano gli indizi che portano a Laura Ziliani, la ex vigilessa scomparsa lo scorso 8 maggio.

Sarà la prova del Dna a confermare una volta per tutte se il cadavere trovato in un torrente a Temù è quello di Laura Ziliani, l’ex vigilessa scomparsa dall’8 maggio dal paesino di montagna in provincia di Brescia dopo essere uscita a fare una passeggiata. In paese i dubbi sembrano diminuire di giorno in giorno. Certo è che se autopsia e test del Dna confermassero che si tratti della ex vigilessa scomparsa, il mistero si infittisce. I particolari emersi fino ad ora sul corpo senza vita non fanno altro che allontanare ancora di più l’ipotesi che si sia trattato di un incidente in montagna: il cadavere è stato trovato semi nudo e con la testa rasata. Tra le probabilità – come riporta Brescia Today – quella che il corpo possa essere stato sepolto per poi riemergere in questi giorni dopo l’esondazione del fiume a causa del maltempo. Certo è che tutta la zona, come aveva confermato anche a Fanpage.it il sindaco di Temù, era stata già battuta dal soccorso alpino tanto che le ricerche si erano interrotte e spostate verso altre zone.

Il cadavere trovato da un bambino di dieci anni

A trovare il corpo domenica scorsa era stato un bambino di dieci anni mentre stava passeggiando sulla pista ciclabile, vicino alla sponda del fiume Oglio. Subito sul posto sono intervenuti i carabinieri e hanno avviato tutti i rilievi del caso. Il corpo è in avanzato stato di decomposizione ma non ci sono dubbi che si tratti di una donna. Elementi inquietanti sono il capo rasato e la mancanza di indumenti, tra cui le scarpe. Altro particolare che potrebbe far pensare che si tratti proprio di Laura Ziliani: una scarpa da trekking della donna era stata trovata il 23 maggio, alcuni giorni dopo la sua scomparsa.

Indagate per omicidio due delle tre figlie di Laura Ziliani

La svolta nelle indagini sulla scomparsa di Laura Ziliani era arrivata qualche settimana fa quando gli inquirenti avevano abbandonato la pista dell’incidente in montagna per seguire quella di omicidio. Ad essere iscritte per prime nel registro degli indagati proprio per omicidio sono state due delle sue tre figlie, Paola e Silvia Zani, le cui dichiarazioni rilasciate alle forze dell’ordine rivelerebbero delle incongruenze. Successivamente ad essere indagato è stato anche il fidanzato di una delle figlie, ritenuto presunto responsabile di concorso in omicidio ed occultamento di cadavere. Intanto l’abitazione della donna è stata posta sotto sequestro. A insospettire gli inquirenti è stato soprattutto il telefono cellulare di Laura trovato nascosto nel divano così come il suo computer in un angolo della cantina della sua casa di Brescia. Bisognerà attendere i prossimi giorni per avere le prime certezze.

Articolo PrecedenteQuali sono le altre Regioni che rischiano la zona gialla, oltre a Sicilia e Sardegna
Prossimo ArticoloMorto in piscina a 6 anni, il dolore del papà: “Non si sarebbe mai tuffato, vogliamo la verità”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.