I talebani le chiedono di cucinare per 15 ma lei non ha cibo: la uccidono picchiandola con un fucile

0
I talebani le hanno chiesto di cucinare per 15 combattenti ma lei non aveva cibo

I talebani le hanno chiesto di cucinare per 15 combattenti ma lei non aveva cibo: i combattenti l’hanno uccisa colpendola con il calcio del fucile. A raccontare la storia è la Cnn che ha intervistato la figlia 25enne della vittima. La ragazza non ha più fatto ritorno a casa, portando via con sè i fratelli piccoli.

Najia era a casa con i suoi figli quando i talebani hanno bussato alla sua porta per l’ultima volta. Nei tre giorni precedenti, i talebani le avevano chiesto di cucinare per 15 combattenti. “Mia madre ha detto loro che siamo poveri e che non potevamo cucinare per tutti loro” spiega la figlia 25enne Manizha. I talebani a quel punto l’hanno picchiata. Dopo le prime tre richieste, i talebani l’hanno uccisa a colpendola con il calcio del fucile. A raccontare questa storia è la Cnn, impegnata nel descrivere la realtà dei piccoli centri attorno a Kabul. In pochi giorni, i militanti hanno rapito decine di bambine e ragazze, allontanandole dai genitori con la forza. La velocità con la quale i talebani sono riusciti ad avanzare ha colto di sorpresa molte donne che non hanno neppure avuto il tempo di comprare un burqa per uniformarsi alle leggi dei fondamentalisti.

Tutti i progressi fatti dal 2001 in poi sono stati persi in circa dieci giorni: i collaboratori internazionali che vigilavano sui diritti delle donne hanno dovuto abbandonare il Paese o nascondersi in attesa di riorganizzare il lavoro. Nonostante i talebani abbiano promesso da Kabul di voler includere le donne nel nuovo governo islamico, restano alti i dubbi sulle effettive intenzioni dei fondamentalisti che nei piccoli centri hanno già dato il via a rastrellamenti e violenze. Inoltre, i combattenti hanno asserito di non voler dare vita a un nuovo Parlamento. Nonostante le promesse sulle scuole aperte e su luoghi di lavoro inclusivi, gli abitanti raccontano di divieti imposti dai talebani per quanto riguarda il lavoro, l’istruzione e persino la televisione, la cui visione è stata vietata.

Tante sono le donne che negli scorsi giorni hanno raggiunto Kabul con i loro figli nel tentativo di fuggire dai talebani. La convinzione era che la capitale si sarebbe difesa ancora a lungo con l’aiuto delle forze internazionale. Al momento della conquista della città, molti profughi sono rimasti in strada, senza neppure un tetto sotto il quale passare la notte. I Paesi occidentali hanno iniziato l’evacuazione di alleati e membri del personale diplomatico, ma all’aeroporto di Kabul sono tanti i profughi che ogni giorno tentano di salire su un aereo.

Articolo PrecedenteDimentica il figlio disabile sotto il sole e lo lascia morire: arrestata madre nel Catanese
Prossimo ArticoloKabul, caos all’aeroporto: i genitori passano i bambini oltre le recinzioni per farli scappare
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.