I disertori del vaccino Covid: a Napoli 65 medici rifiutano di vaccinare o prenotare l’iniezione

0
I disertori del vaccino Covid: a Napoli 65 medici rifiutano di vaccinare.

I disertori del vaccino Covid: a Napoli 65 medici rifiutano di vaccinare. Sono circa 360 su 550 i medici di famiglia che a Napoli hanno dato la propria adesione a fare le vaccinazioni anti-Covid19. Di questi, 168 sono pronti a vaccinare nel proprio studio medico o a casa del paziente, altri 190 circa sono disponibili a farlo, ma negli hub vaccinali. Altri 65 medici, invece, non vogliono né vaccinare né prenotare i pazienti fragili e sono stati deferiti alla commissione disciplinare della Regione Campania.

Sono circa 360 su 550 i medici di famiglia che a Napoli hanno dato la propria adesione a fare le vaccinazioni anti-Covid19. Di questi, 168 sono pronti a vaccinare nel proprio studio medico o a casa del paziente, altri 190 circa sono disponibili a farlo, ma negli hub vaccinali dislocati sul territorio cittadino, come la Mostra d’Oltremare o la Stazione Marittima. A questi, poi, si aggiungono i medici di base che non vaccineranno, ma segnaleranno sulla piattaforma regionale i loro pazienti fragili da vaccinare.

I motivi in questo ultimo caso possono essere vari, e c’è da tenere in considerazione anche la presenza di medici di famiglia immunodepressi o con patologie che normalmente a causa di questi problemi non partecipano nemmeno alle campagne di vaccinazione anti-influenzale.

Sono 65 i medici che non vaccinano a Napoli

A fronte di questi medici eroi, pronti ad impegnarsi nella lotta contro il Coronavirus anche al di fuori del proprio orario di ricevimento, organizzando le sedute vaccinali con i propri pazienti (per il momento over 80, over 70 e fragili), c’è anche però chi ha detto no. Ieri, il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio ha adottato un linguaggio militaresco per definire la battaglia al Covid19: «Siamo in guerra. Servono norme da guerra» E come ogni guerra, c’è anche chi, purtroppo, diserta.

Sono 65 i medici di medicina generale che, clamorosamente, hanno dato forfait. In pratica hanno rifiutato non solo di vaccinare (in studio, all’hub o a domicilio), ma anche di prenotare i propri pazienti fragili. Un comportamento perseguibile dal punto di vista etico-deontologico.

«Siccome l’adesione alla campagna vaccinale nazionale è obbligatoria – spiega Pina Tommasielli, medico di famiglia e referente dell’Unità di Crisi per la medicina territoriale – questi medici sono stati deferiti alla Commissione di Disciplina della Regione Campania». Sarà la direzione della tutela della Salute, quindi, a decidere se elevare eventualmente delle sanzioni disciplinari.

Articolo PrecedenteVaia (Spallanzani): “Riapriamo cinema e teatri, dobbiamo tornare a respirare cultura”
Prossimo ArticoloTroppi vestiti e culle, Chiara Ferragni dona tutto alle mamme in difficoltà
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.