Ha un infarto, ma aspetta ad andare in ospedale per paura del coronavirus e muore. “Non fatelo”

0
Ha un infarto, ma aspetta ad andare in ospedale

Ha un infarto. A raccontare l’episodio è stato Giancarlo Casolo, primario di cardiologia all’ospedale della Versilia e presidente toscano dell’Associazione nazionale cardiologi ospedalieri. “Non voglio allentare l’attenzione sulla epidemia Covid-19, ma queste sono situazioni da evitare assolutamente” precisa lo specialista.

Nei giorni del coronavirus si è assistito ad un netto calo degli accessi al pronto soccorso. Purtroppo anche con esiti nefasti, come ha raccontato Giancarlo Casolo, primario di cardiologia all’ospedale della Versilia e presidente toscano dell’Associazione nazionale cardiologi ospedalieri, al quotidiano La Nazione. “Purtroppo, in varie cardiologie, riscontriamo i casi di persone che avvertono i sintomi dell’infarto, con un forte dolore toracico, e aspettano a chiamare il 118 perché hanno paura di essere infettati in ospedale dal coronavirus”, spiega lo specialista.

È una situazione che va assolutamente evitata – evidenzia Casolo – perché nei nostri ospedali funziona perfettamente e dà ottimi risultati una ‘Rete infarto’ che è pienamente attiva. Quindi, bisogna intervenire subito, gran parte di questi infarti ha necessità di essere trattata entro pochi minuti. Questo vale anche per le aritmie”.

E quindi racconta: “Nel mio ospedale un paziente è morto per essere arrivato troppo tardi, quando ormai non c’era nulla da fare. Un altro è stato salvato, ma con danni al cuore molto più gravi di quelli che avrebbe riportato se fosse venuto prima”. Casolo vuole comunque sottolineare che le sue parole non sono volte a “sminuire o allentare l’attenzione sulla epidemia Covid-19 in atto ma quella di non abbassare la guardia nel caso di un sospetto infarto del miocardio o delle malattie cardiovascolari che si presentano acutamente”.

Il primario conclude ricordando che “l’infarto è la prima causa di morte nel mondo e in Toscana ci sono tra i 6 e i 7mila infarti l’anno”. E quindi raccomando ancora una volta: “In tempi di coronavirus non bisogna abbassare la guardia sulle altre patologie, perché non è che la gente smette di avere problemi cardiovascolari. Quindi, se non vogliamo vedere una crescita della mortalità, appena una persona avverte i sintomi dell’infarto (soprattutto i pazienti a rischio, ma vale per tutti) chiami subito il 118”.

 

Articolo PrecedenteNon abbiamo ancora raggiunto il picco. Da oggi partono le settimane più rischiose, restate a casa!
Prossimo ArticoloCoronavirus, a Milano 2 poliziotti positivi e 82 monitorati. Il sindacato: “Tamponi come in Veneto”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.