Guarita dal Coronavirus. Una bimba di quattro mesi infetta dal nuovo coronavirus è stata dimessa dall’ospedale nella provincia di Hainan, nella Cina meridionale, dopo essere guarita. L’ospedale ha confermato che si tratta della più giovane paziente della provincia con malattia polmonare causata dal nuovo virus. La piccola aveva tre mesi quando il 27 gennaio si è ammalata.

Una bambina di quattro mesi ha sconfitto il coronavirus. La buona notizia arriva dal Sud della Cina e la neonata guarita dal virus era ricoverata in un ospedale nella provincia di Hainan. Ospedale che ora ha confermato che la piccola è stata dimessa dopo essere guarita. L’ospedale popolare Haikou, nella capitale della provincia, ha fatto sapere che si tratta della più giovane paziente della provincia con malattia polmonare causata dal nuovo coronavirus. A quanto ricostruito, la bambina era tornata ad Haikou dopo aver viaggiato con la sua famiglia a Xiaogan, una città nella provincia di Hubei dove si trova Wuhan, città epicentro dell’epidemia, e le era stato diagnosticato il nuovo coronavirus il 27 gennaio scorso, quando la piccola aveva appena tre mesi. Fino alla mezzanotte di ieri la provincia ha riportato 142 casi confermati dal nuovo coronavirus, con tre vittime. In totale sono invece 19 le persone che sono state dimesse dall’ospedale dopo essere guarite. Prima della piccola della provincia di Hainan la paziente più giovane guarita dal coronavirus era stata una bimba di nove mesi che era ricoverata a Pechino.

Superati i mille morti in Cina per il coronavirus – Ad oggi il numero di infezioni confermate nell’epidemia di coronavirus in Cina ha raggiunto quota 42.638 a livello nazionale, con quasi 2.500 nuovi casi segnalati. Il governo cinese ha anche comunicato che sono 108 i nuovi decessi per il virus, 103 nella sola provincia di Hubei che resta quella più colpita. La conta delle vittime a livello nazionale ha superato ormai quota mille morti. Per quanto riguarda i casi di coronavirus confermati in Italia, secondo l’ultimo bollettino dell’ospedale Spallanzani i coniugi cinesi sono ancora ricoverati in terapia intensiva ed entrambi presentano un lieve miglioramento delle condizioni generali. Il cittadino italiano positivo al virus “continua a essere in buone condizioni generali”.