Green pass al ristorante, meno zone colorate e tamponi obbligatori: cosa vogliono le Regioni

0
Green pass al ristorante, meno zone colorate e tamponi obbligatori.

Green pass al ristorante, meno zone colorate e tamponi obbligatori. Le Regioni sono (quasi) pronte per presentare al governo le proposte sul cambio dei parametri per le zone colorate e sull’utilizzo del green pass. Domani ci sarà un nuovo incontro tra i governatori, poi la Conferenza Stato-Regioni: tra le proposte ci sono l’uso del green pass al ristorante e nei locali al chiuso ma solo dalla zona gialla e la revisione dei parametri eliminando l’incidenza e inserendo il tasso di occupazione delle terapie intensive e dei posti letto in ospedale. Ma anche l’obbligo di un minimo di tamponi quotidiani da effettuare e anche l’eliminazione di una zona colorata, per tornare ad un sistema a tre.

Entro questa settimana il governo è chiamato a decidere sui nodi più importanti da sciogliere in fretta: modifiche al green pass, cambiare i parametri che decidono il colore delle Regioni, eventuale obbligo vaccinale per i docenti e proroga dello stato di emergenza almeno fino all’autunno. Sulle prime due si è concentrata la riunione dei presidenti di Regione di oggi, in un primo incontro che verrà replicato domani, prima della Conferenza con il governo e prima del Consiglio dei ministri a cui si arriverà probabilmente domani. Insomma, sono ore caldissime per decidere una serie di provvedimenti per affrontare al meglio le prossime settimane, con i casi che stanno risalendo vertiginosamente e l’esempio di altri Paesi europei che fa paura. L’obiettivo dei governatori è sedersi al tavolo con il governo con delle proposte realistiche, precise e dettagliate, portando avanti una linea chiara: non si può più calcolare il colore in base all’incidenza – se così fosse lunedì diverse Regioni sarebbero in zona gialla – e bisogna usare il green pass in modo equilibrato.

Le Regioni vogliono usare di più il green pass

I presidenti di Regione hanno già deciso, più o meno, cosa chiederanno al governo. Il nuovo incontro di domani mattina servirà a perfezionare “la definizione puntuale delle proposte“, ha spiegato il presidente della Conferenza Massimiliano Fedriga. Insomma, c’è da definire i dettagli, ma le richieste sono già chiare: secondo quanto si apprende, in primis i governatori chiedono di utilizzare il green pass come un “salvacondotto” per scongiurare chiusure al di fuori della zona bianca. In pratica le Regioni vogliono che la certificazione verde sia usata da subito per discoteche e grandi eventi, permettendo a questi settori di ripartire. Mentre l’uso più esteso del green pass, del quale si è parlato nei giorni scorsi, per ristoranti e locali al chiuso riguarderebbe le altre zone colorate e non quella bianca. In questo modo si salvaguarderebbero quelle attività che con il peggioramento dei dati e il cambio di colore dovrebbero richiudere.

Test obbligatori e tre zone colorate

Sulle zone colorate si combatte, in realtà, la vera battaglia. Tutti sono d’accordo sul fatto che bisogna cambiare i parametri che determinano il passaggio da un’area all’altra, soprattutto per quanto riguarda l’incidenza, che nelle ultime ore sta risalendo velocemente. Il ministro Speranza, il governo, le Regioni e i partiti sono tutti allineati per l’inserimento del parametro delle ospedalizzazioni in modo che sia l’indicatore decisivo. Lo scontro, però, è su quanto debba essere la soglia da non superare: i governatori chiedono che il limite massimo prima di uscire dalla zona bianca sia il 15% dei letti occupati in terapia intensiva e il 20% nei reparti ordinari. Da quanto si apprende dal governo si rifletteva su cifre ben diverse: 5% per la rianimazione e 10% per i ricoverati con sintomi. La forbice è ancora ampia e andrà discussa domani, ma nel frattempo i presidenti chiedono anche di ridurre le zone colorate da quattro a tre e di essere più flessibili nella valutazione dei parametri nelle Regioni più piccole. I governatori propongono anche di fissare un minimo di 150 tamponi ogni 100mila abitanti da effettuare ogni giorno e di valutare il numero di vaccinati Regione per Regione.

Articolo PrecedenteUsa, uccise la moglie a pugni durante una crociera: trovato morto in carcere
Prossimo ArticoloPuglia, spara contro gli amici della ex dal balcone di casa. “Le hanno detto di lasciarmi”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.