Giulia, una mamma distrutta dal dolore. L’avvocato Gianfranco Piscitelli: “Ho promesso ai familiari del ragazzo scomparso che faremo luce su questo strano episodio”

Che fine ha fatto Cristian Farris? Dopo sei mesi scende in campo Penelope, rappresentata dall’avvocato Gianfranco Piscitelli. Lunedì sera del 21 ottobre 2019 Christian Farris, noto calzolaio allevatore ed addestratore di cavalli, non si presenta a casa dei genitori ad Orroli per cena senza avvertire; verso le 19 incontra in una stradina, zona Zia Belledda periferia di Orroli, un conoscente che lo vede intento, con il cofano alzato, aggiustare un contatto di una lampadina del faro anteriore del suo furgone Daily celestino, lo saluta con la mano e gli dice che ha fretta.

Da quel momento si perdono le tracce di Christian. I genitori, la sorella ed il fratello non si preoccupano molto perché Christian a volte, si allontana anche un paio di giorni, l’unica cosa strana è il cellulare spento. Il 23 i genitori incontrano i Carabinieri che cercavano Christian avendo rinvenuto un Daily bruciato. A quel punto scatta la denuncia di scomparsa. I familiari lanciano appelli sui social, chiedono aiuto a Penelope Onlus e l’appello va in onda su Chi l’ha Visto, intervengono tv locali e nazionali, tante ricerche ma di Cristian Farris nessuna traccia.

La Procura della Repubblica di Cagliari apre un fascicolo a carico di ignoti per omicidio affidato al pm Paolo De Angelis. Ad oltre sei mesi, la madre Maria Giulia, ammalatasi nel frattempo, lancia nuovi appelli e giura di non volersi arrendere, chiede di sapere la verità. Quest’oggi, dopo la rinuncia al mandato del precedente difensore, si è affidata totalmente all’Associazione Penelope ed ha dato mandato di fiducia al legale Gianfrancesco Piscitelli, Presidente della territorialità Sardegna. Ha registrato un ulteriore appello affidato ad un video che pubblichiamo.

“Ero già in contatto con i familiari dello scomparso Christian Farris sin dai primi momenti fornendo loro tutta l’assistenza di Penelope Sardegna che rappresento e Penelope Italia – afferma Piscitelli – tutta ma non avevo seguito le indagini perché avevo accertato che era presente da subito una collega che assisteva la famiglia. Venti giorni fa la mamma di Christian mi ha nuovamente contattato dicendomi che il suo avvocato aveva rinunciato all’incarico e voleva essere assistita da Penelope e da me come avvocato di fiducia: le ho detto che non l’avremmo abbandonata e che aspettavamo solo che si sbloccasse la situazione della mobilità fuori Comune per il Covid-19 e così oggi sono andato ad Orroli e sono stato tutto il giorno con questa famiglia distrutta dal dolore e dal “non sapere”. Domani stesso – aggiunge l’avvocato – depositerò la nomina in Procura ed inizierò a muovermi come al mio solito, con indagini difensive a 360° e mi metterò in contatto con il magistrato e con chi cura le indagini. Ho promesso a Maria Giulia Farris ed al padre e fratelli di Christian che non lascerò nulla di intentato perché “chi dimentica cancella e noi non dimentichiamo“.

VIDEO