Gaia racconta la sua vita da sex worker: “Sono una ricercatrice, ho scelto di fare la escort”

0

Gaia Lorenzi ha studiato per tanto tempo nell’ambito della ricerca scientifica. Un campo che non le ha permesso di trovare un posto di lavoro stabile, perciò da alcuni anni lavora come escort. Ma ci tiene a precisare che lei svolge questo lavoro non solo per avere una vita dignitosa ma anche per passione.

Gaia Lorenzi ha studiato tanto per diventare una ricercatrice. La sua passione per la scienza l’ha portata ad ottenere diversi traguardi in ambito scientifico, lavorando nel campo delle biotecnologie. Purtroppo si tratta di un campo con pochi sbocchi lavorativi in Italia, perciò anni fa Gaia ha iniziato a lavorare come escort. “Ho scelto questo lavoro perché non volevo lasciare il mio paese. Faccio la escort per passione e con questo lavoro riesco ad avere una vita dignitosa senza dover rinunciare a fare tenermi aggiornata sulla ricerca scientifica”.E ci tiene a precisare che questo non è un lavoro svolto da ragazze prive di intelligenza: “Vorrei che tutti quanti non pensassero che opra un paio di tacchi ci sia solo della carne. C’è una persona con delle esigenze, con un cervello e che lo fa funzionare”. Gaia lavora attraverso il portale ‘Escort Advisor’, il primo sito di recensioni di sex worker in Europa. “Ogni momento passato in mia compagnia rimarrà scolpito indelebilmente nella tua memoria. Chiamami per trascorrere momenti di indimenticabile follia” si legge nella sua pagina personale.

I numeri delle sex worker
Le ultime stime del Codacons dicono che in Italia circa 9 milioni di uomini frequentano una prostituta almeno una volta all’anno e 3 milioni una volta al mese, per un giro d’affari fra i 5 e i 6 miliardi di euro. Ammonta a quasi 4 miliardi il fatturato prodotto dai circa 90.000 operatori del sesso italiani, anche se la cifra precisa non è possibile stimarla. Molteplici sono le categorie da distinguere in questo macro insieme: prostitute da strada, escort, trans, gigolò, maitress. Di questi, 60.000 ogni mese fanno di Internet la propria vetrina pubblicitaria: di conseguenza internet sta diventando la prima scelta per gli amanti del sesso a pagamento.

Le recensioni online
Escort Advisor è una start-up nata nel 2014, che in soli 5 anni, nel difficile settore adult ha creato il primo sito di recensioni di escort in Europa con 2 milioni di utenti unici mensili, divenendo uno dei 40 siti più visitati in Italia (più di 3bmeteo, Trenitalia.com, Ansa). “Il sito permette agli utenti di condividere le proprie esperienze positive e negative così da aiutare gli altri utenti a evitare sorprese e fregature dando voti con delle “stelline” (come su “Amazon”) sia complessive che su specifici parametri quali la professionalità e serietà o la corrispondenza dell’annuncio alla realtà.” spiega il fondatore Mike Morra. Quasi una sex worker su quattro presente sul portale è di nazionalità italiana, il 18% sono brasiliane, il 6% spagnole, il 5% sono argentine ma si possono trovare donne da praticamente tutto il mondo. Oltre il 50% delle escort presenti sul portale ha tra i 25 e i 36 anni, il 29% ha tra i 18 e i 24 anni, il 14% tra i 37 e i 45 anni infine solo il 4% ha più di 46 anni.