Francia. Dall’edificio esce un denso fumo nero. Il direttore del servizio dipartimentale antincendio: danno “concentrato” ma “la piattaforma su cui si trova è molto instabile e rischia di crollare”. La sindaca apre un’inchiesta

L’incendio nella cattedrale di Nantes è scoppiato stamattina presto, verso le 7,45, ma già alle 10 le fiamme non erano quasi più visibili. Sul fuoco prevale ora un denso fumo nero che emerge dall’edificio. Molti vigili del fuoco della Loira Atlantica sono stati schierati sul posto. 

L’incendio nella cattedrale di Nantes è scoppiato stamattina presto, verso le 7,45, ma già alle 10 le fiamme non erano quasi più visibili. Sul fuoco prevale ora un denso fumo nero che emerge dall’edificio. Molti vigili del fuoco della Loira Atlantica sono stati schierati sul posto. 

Francia, grande incendio alla cattedrale di Nantes: il fumo tra le guglie


Anche la polizia è stata dispiegata intorno alla cattedrale e il distretto è isolato. Molti abitanti hanno assistito, sbalorditi, alla scena. Ma poco più di due ore dopo l’inizio l’incendio era contenuto. “Non siamo in uno scenario di Notre-Dame de Paris” , ha assicurato il direttore del servizio dipartimentale antincendio e di salvataggio della Loira Atlantica. Il danno è “concentrato sul grande organo” che “sembra essere completamente distrutto”, ha detto il generale Laurent Ferlay. La piattaforma su cui si trova è molto instabile e rischia di crollare”. Secondo il pubblico ministero di Nantes, all’interno della cattedrale sono stati osservati “tre incendi”, che lo hanno spinto a favorire “la pista criminale”. ” Uno a livello del grande organo, uno a destra e un altro a sinistra della navata”, ha aggiunto.

Arrivata sul posto la sindaca di Nantes Johanna Rolland ha reso omaggio ai pompieri: “Dobbiamo ringraziare la straordinaria professionalità delle squadre. È un giorno segnato dalla tristezza”, ha aggiunto “La nostra cattedrale è un luogo per tutti i residenti di Nantes, fa parte della nostra storia, del nostro patrimonio”. Il funzionario eletto ha inoltre annunciato l’apertura di un’inchiesta.

Il primo ministro Jean Castex ha annunciato che andrà alla cattedrale di Nantes questo pomeriggio. “Voglio sapere cosa è successo, mostrerò prima la mia solidarietà ai cittadini di Nantes”, ha detto il capo del governo a diversi giornalisti dalla sua roccaforte di Prades, nei Pirenei. Emmanuel Macron ha twittato il suo “sostegno ai nostri vigili del fuoco che corrono tutti i rischi per salvare questo gioiello gotico della città dei duchi”. In arrivo anche i ministri dell’Interno e della Cultura, Gérald Darmanin e Roselyne Bachelot.

La Cathédrale Saint-Pierre-et-Saint-Paul de Nantes è celebre per il suo stile gotico, è stata costruita in oltre 450 anni, dal 1434 al 1891. È classificata monumento storico dal 1862. La cattedrale era già stata in parte devastata dalle fiamme il 28 gennaio 1972. Un operaio che effettuava riparazioni sul tetto aveva accidentalmente incendiato l’edificio con una torcia. La cattedrale di Nantes non fu restituita al culto fino a maggio 1985, dopo oltre 13 anni di lavoro.