Francia, chiuse 22 scuole e 100 classi per casi di coronavirus. Lo ha detto il ministro dell’Educazione Jean-Michel Blanquer, ai microfoni di radio Europe, precisando che 10 scuole si trovano a La Reunion, dipartimento francese nell’Oceano Indiano, e quindi si tratta di dodici istituti su oltre 60mila.

Tre giorni dopo la prima campanella – il 1 settembre – in Francia sono già stati chiusi 22 istituti e un centinaio di classi per casi di positività al coronavirus. Lo ha detto il ministro dell’Educazione francese, Jean-Michel Blanquer, ai microfoni di radio Europe: “In Francia ci sono 12 scuole che sono state chiuse, su un totale di 62mila – ha precisato – un numero esiguo” a cui si aggiungono 10 scuole a La Reunion, dipartimento francese nell’Oceano Indiano, il numero di pazienti ricoverati con Covid è aumentato nelle ultime settimane.

Inoltre, “un centinaio di classi” sono state chiuse, ha aggiunto Blanquer, ma questo è un numero che “cambia tutti i giorni”. Il ministro ha infatti spiegato che circa 250 protocolli per sospetta positività vengono attivati quotidianamente. Per la maggior parte, si tratta di sospetti “legati a fattori esterni alla scuola, con persone che spesso hanno potuto essere contagiate prima del rientro in classe”. Non tutti questi casi si rivelano positivi, ma una volta segnalato un sospetto le scuole devono seguire un ampio protocollo governativo che può includere l’invio di un’intera classe a casa per l’apprendimento online o la chiusura dell’intera scuola. Blanquer ha affermato che il numero di interruzioni rimane “relativamente basso” rispetto al numero di scuole in Francia.

Martedì, oltre 12 milioni di studenti sono tornati a scuola in Francia, nonostante alcuni genitori e sindacati dei docenti avessero espresso preoccupazione per la continua crescita dei casi di coronavirus. Nell’ultimo bollettino la Sanità francese ha confermato 7.157 casi positivi, contro i 7.017 del giorno precedente.