Foto dei figli su Facebook? Tra dieci anni record di furti d’identità online

0

Secondo uno studio della banca britannica Barclays entro il 2030 i due terzi delle frodi sul web ai danni dei giovani saranno commesse grazie alla condivisione delle immagini postate sui social dai genitori

Nonostante i ripetuti moniti a non pubblicare foto di minori sui social network, i genitori non resistono. Anche molte celebrità, dai Beckhams a Jamie Oliver, postano regolarmente le immagini dei loro pargoli intenti a spegnere le candeline o a godersi una vacanza. Un impulso naturale che però potrebbe venire a costare caro. Secondo la banca Barclays entro il 2030 lo «sharenting», come viene chiamata in inglese la condivisione delle foto, sarà responsabile dei due terzi dei furti d’identità commessi online ai danni di persone giovani. Come? Semplice: il festeggiamento di un compleanno, per esempio, rivela la data di nascita del bambino, così come il primo giorno di scuola può fornire indizi importanti su indirizzo e quartiere di appartenenza. Anche solo la pubblicazione del nome prescelto per il piccolo può diventare un’informazione preziosa per tentare di accedere al conto bancario o di farsi intestare una carta di credito.

Difficile, però, fermare il fenomeno. Un sondaggio condotto da Barclays rivela che il 75% dei genitori ha condiviso immagini dei loro figli rivelando dettagli personali utili ai criminali e il 30% ha detto di avere almeno una password che contiene nomi della famiglia o date importanti. «Pensateci due volte prima di postare certe informazioni». ha detto al Times Jodie Gilbert, capo della sicurezza digitale a Barclays

Articolo PrecedenteUK, Google ha tracciato 4,4 milioni di utenti iPhone?
Prossimo ArticoloFacebook e Qualcomm insieme per continuare il progetto Terragraph
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.