Firenze, lui 87 anni e lei 84, hanno chiamato i Carabinieri perché a causa dell’impianto di riscaldamento rotto soffrivano il freddo e hanno chiesto un aiuto per comprare una stufetta di emergenza. Quando i militari sono arrivati a casa hanno scoperto che i due non avevano neppure da mangiare.

Una storia drammatica arriva da Firenze. Una coppia di anziani – lui 87 anni, lei 84 – per giorni è rimasta senza cibo e anche al freddo, dato che nella loro casa si era rotto l’impianto di riscaldamento. Per questo i due vecchietti si sono rivolti ai Carabinieri che a loro volta hanno chiamato la polizia municipale e fatto scattare un aiuto per le prime necessità e la presa in carico da parte dei Servizi Sociali. L’intervento delle forze dell’ordine a casa della coppia di anziani risale al pomeriggio di ieri, lunedì 27 aprile.

Hanno chiesto aiuto per avere una stufetta di emergenza – I due avevano chiamato i Carabinieri a causa del freddo sofferto per la rottura dell’impianto di riscaldamento e chiedendo aiuto per comprare una stufetta di emergenza. I militari gli hanno regalato una stufetta ma una volta in casa l’ottantasettenne ha raccontato di non aver niente in frigorifero perché la signora che normalmente li aiutava a fare la spesa non era più disponibile e lui aveva anche difficoltà economiche. Così, a quel punto, è scattata la segnalazione alla Centrale Operativa della polizia municipale che ha contattato al telefono gli anziani che hanno raccontato di aver difficoltà ad acquistare il cibo e di aver paura a uscire di casa a causa del contagio dal coronavirus.

La coppia presa in carico dai Servizi Sociali del Comune – È stata allertata la Protezione Civile che ha inserito gli anziani nella lista della consegna pasti per la quarantena, poi dai Carabinieri è stata inviata una relazione del sopralluogo ai Servizi Sociali del Comune che hanno già preso in carico la coppia attivando misure di sostegno continuative.