Firenze, auto si schianta contro una casa. Le due persone a perdere la vita sono i fiorentini marito e moglie Andrea Bresci e Gabriella Massini, rispettivamente di 74 e 75 anni. Con loro, sul sedile posteriore, c’era il nipote di 11 anni che si è salvato miracolosamente.

Tragedia, poco prima di mezzogiorno, questa mattina nel centro abitato di Pracchia, sulla Montagna Pistoiese. Andrea Bresci e Gabriella Massini, marito e moglie di 74 e 75 anni, di Firenze, hanno perso la vita due persone in un drammatico incidente. Con loro viaggiava anche il nipote di 11 anni, estratto dall’abitacolo dai vigili del fuoco e trasportato d’urgenza all’ospedale con l’elicottero Pegaso del 118. Non sarebbe in pericolo di vita.

Secondo una prima ricostruzione l’incidente sarebbe avvenuto a causa di un mancamento improvviso accusato dall’uomo alla guida della macchina. Sul luogo del sinistro mortale, sono intervenuti i soccorsi con vigili del fuoco e carabinieri che stanno indagando sulle dinamiche dello schianto. Per quanto riguarda la dinamica, in corso di aggiornamento da parte dei carabinieri, da una prima ricostruzione la vettura, una volta oltrepassato il piccolo ponte al centro del paese, ha improvvisamente deviato percorso e si è schiantata contro il muro di un’abitazione. L’ipotesi più probabile è che Bresci, che si trovava alla guida, abbia perso il controllo della sua Fiat Bravo a causa di un malore (sembra che soffrisse di problemi cardiaco). I tre si stavano recando in vacanza sulla montagna pistoiese. Nonostante i tentativi del personale sanitario del 118, l’uomo e la donna sono deceduti sul posto.

Bresci era una persona conosciuta a Firenze: era il presidente dell’associazione Amici del museo Gino Bartali di Ponte a Ema. Per tanti anni era stato presidente dell’Aquila di Ponte a Ema storica società fiorentina fondata nel 1927 dove aveva corso da giovane anche Bartali.