Fidanzati uccisi a Pordenone, Cassazione conferma l’ergastolo per Giosuè Ruotolo

0
Fidanzati uccisi a Pordenone, Cassazione conferma l’ergastolo per Giosuè Ruotolo.

Fidanzati uccisi a Pordenone, Cassazione conferma l’ergastolo per Giosuè Ruotolo. Confermata dalla Cassazione la condanna all’ergastolo per Giosuè Ruotolo, il giovane accusato di aver ucciso a Pordenone la coppia di fidanzati Teresa Costanza e Trifone Ragone. I giudici della Suprema corte hanno dichiarato inammissibile il ricorso della difesa di Ruotolo contro la sentenza emessa dalla Corte di Assise di Appello di Trieste il primo marzo 2019.

È stata confermata dalla Corte di Cassazione la condanna all’ergastolo per Giosuè Ruotolo, il giovane accusato di aver ucciso a Pordenone la coppia di fidanzati Teresa Costanza e Trifone Ragone. I giudici della Suprema corte hanno dichiarato inammissibile il ricorso della difesa di Ruotolo contro la sentenza emessa dalla Corte di Assise di Appello di Trieste il primo marzo 2019. Il verdetto aveva convalidato quello emesso dalla Corte di Assise di Udine l’8 novembre 2015 che aveva inflitto per prima il carcere a vita all’imputato.

L’omicidio di Teresa e Trifone a Pordenone

Teresa Costanza e Trifone Ragone – lui era un militare di 28 anni originario di Adelfia (Bari), lei assicuratrice milanese 30enne di origini siciliane – vennero uccisi la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. I due giovani fidanzati erano in auto, stavano per rientrare a casa dopo che Ragone aveva terminato la seduta di allenamento nella palestra di pesistica. Secondo la ricostruzione, Ruotolo avrebbe eliminato Teresa e Trifone perché temeva che Ragone lo denunciasse per una serie di messaggi inviati a Teresa attraverso un profilo Facebook anonimo chiamato “Anonimo Anonimo”.  “Sono l’amante di Trifone. E tu, Teresa, sei una cornuta” le scriveva Giusuè sotto mentite spoglie e ancora “Ciao. Volevo dirti che il tuo ragazzo si vede ancora con me. Io sto con lui perché mi piace molto, ti volevo solo avvisare. Tu sei una bella ragazza ma sono più bella io”. Trifone, dopo aver scoperto che l’autore dei messaggi era l’ex militare campano che era stato anche suo coinquilino, aveva minacciato di presentare una denuncia. E Ruotolo, secondo i giudici, avrebbe deciso di ucciderli proprio per impedire che lo denunciassero stroncandogli la carriera. Ad avviso di quanto stabilito dalla Corte di Assise di Appello, non si trattò di un delitto “di impulso” ma venne “premeditato, accuratamente studiato nei dettagli” probabilmente dettato da una “rabbia di Ruotolo verso Ragone” che si “trasmutava in odio e in vera e propria sete di vendetta”. Giosuè Ruotolo, che si è sempre proclamato innocente, ha atteso il verdetto in carcere, a Belluno.

Articolo PrecedentePorta al guinzaglio il marito per evitare le norme covid: “È il mio cane”, coppia multata
Prossimo ArticoloConte a Mattarella: chiarimento politico in Parlamento. Per la nuova maggioranza spunta il gruppo Maie
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.