Federico Fashion Style scappato in Sardegna per poter lavorare: “Non ho fatto nulla di male”

0
Federico Fashion Style scappato in Sardegna per poter lavorare.

Federico Fashion Style scappato in Sardegna per poter lavorare. Polemica a Live – Non è la D’Urso per l’attegggiamento di Federico Fashion Style, scappato in Sardegna per poter lavorare. Fino a domenica, l’Isola dei Quattro Mori era l’unica in zona bianca: “Ho lavorato tutta la giornata rispettando le regole, facendo il tampone”. La polemica non si è placata, nemmeno adesso che l’isola ha cambiato colore.

È proprio vero che la Sardegna è un’isola felice. L’unica zona bianca in uno stivale diviso tra l’arancione e il rosso e in questo scenario, chi ha potuto, giustamente ne ha approfittato. Federico Fashion Style, il parrucchiere dei vip, si è ritirato in Sardegna per poter continuare a lavorare. I saloni di Roma e Milano sono chiusi, ma è rimasto aperto il suo salone sull’isola dei Quattro Mori. Solo fino a ieri, però: perché come è noto da oggi la Sardegna non è più zona bianca, dati gli eccessi delle ultime settimane. Questa scelta ha causato polemiche all’interno del programma Live – Non è la D’Urso. Vladimir Luxuria ha attaccato con veemenza il re dei parrucchieri, stigmatizzando il suo atteggiamento: “Ci vuole più rispetto”.

L’attacco di Vladimir Luxuria

Il parrucchiere si è difeso dagli attacchi di Vladimir Luxuria che gli ha puntato il dito contro: “È vergognoso! Semplicemente odioso, non è che fanno una regione bianca perché per una persona che non può cenare a Roma, va a cenare in Sardegna. Ci vuole rispetto per queste cose”. L’hairstylist, pur di lavorare, è scappato nel cuore della notte in Sardegna per lavorare, ma si è difeso così:

Ho lavorato tutta la giornata rispettando le regole, facendo il tampone. Poi sono andato a cena come tutte le altre persone. Io ci sto per lavoro, è una polemica pazzesca per me.

Federico Fashion Style è stato difeso dalla giornalista Candida Morvillo: “La pandemia ha aumentato in maniera drammatica le diseguaglianze sociali, ma quando una persona lavora bisogna fare il tifo per chi lavora”. Lo aveva dichiarato lo stesso hairstylist in un post su Facebook che sarebbe partito alla volta della Sardegna per poter lavorare, non contravvenendo tra le altre cose ai decreti che permettono lo spostamento per cause urgenti e di lavoro. Ma la polemica non si è placata, nemmeno adesso che anche la Sardegna ha cambiato colore.

FEDERICO FASHION STYLE: “LE SARDE NON POSSONO ESSERE TROPPO BIONDE”.I consigli del parrucchiere dei vip. Poi la frecciatina per chi critica il suo tour: “Non rubo il lavoro a nessuno, poteva farlo chiunque ma non avrebbero avuto lo stesso numero di appuntamenti”

“Le donne sarde non possono essere troppo bionde”, osserva Federico Fashion Style dopo aver eseguito delle sfumature marron glacé sulla chioma di una cliente a Cagliari nella terza tappa del suo tour in Sardegna.

Il parrucchiere dei vip, che sta raccontando nelle Instagram stories la sua esperienza nell’Isola, ne ha approfittato per togliersi qualche sassolino dalla scarpa e rispondere alle critiche di chi ritiene scorretta la sua iniziativa.

“Non ho fatto nulla di male – spiega Federico -. Mi sono iscritto a “Sardegna Sicura” e ho fatto il tampone. Non sto rubando il lavoro a nessuno, le donne che stanno venendo a visitarmi lo avrebbero fatto comunque nel mio salone di Roma non appena le norme Covid lo avessero permesso. Chiunque poteva avere la mia idea di affittare una poltrona o chiedere di essere ospitato nel salone di qualche collega. Potevate farlo anche voi che rosicate, ma forse non avreste avuto lo stesso numero di appuntamenti che ho io”. Dopo Iglesias, Quartucciu e Cagliari, da oggi e nei prossimi giorni il coiffeur sarà a Oristano, Alghero, Sassari e Olbia.

DANNEGGIATA L’AUTO DI FEDERICO FASHION STYLE: “COLPA DI CHI INCITA ALL’ODIO”. “Io sono un imprenditore che lavora. Cosa ho fatto di male? La gente è cattiva”.

“Sto per partire per Oristano e voglio farvi vedere cosa è successo alla macchina”. Esordisce così Federico Fashion Style nelle storie di Instagram pubblicate questa mattina, mostrando la sua auto gravemente danneggiata dai vandali (video in copertina).

“Me l’hanno distrutta, graffiata – spiega col groppo alla gola -. Non è un problema ragazzi perché tanto io continuo il mio tour. Non mi abbatto. Voi rimarrete sempre dei poveri illusi perché io la macchina la sistemerò. Ma secondo me queste persone vengono incitate all’odio. Perché sono stato attaccato continuamente”.

“Cosa ho fatto di male? – si domanda il parrucchiere dei vip – Sto andando a lavorare. Sono un imprenditore, una persona che lavora continuamente. Le persone vengono incitate all’odio. La gente se la prende con me perché sarei andato a cena quando era zona bianca, ma qual è il problema? Quanta gente va a cena in zona bianca? Ma secondo voi se non si fosse potuti entrare in Sardegna mi avrebbero fatto entrare? Mi hanno fatto entrare perché ho fatto il tampone e mi sono registrato a ‘Sardegna Sicura’. A chi ho tolto il lavoro? Anzi, l’ho portato il lavoro. La gente è cattiva!”.

Articolo PrecedenteMalore mentre è a cena da amici, Francesca muore improvvisamente a 24 anni: giallo sulle cause
Prossimo ArticoloColpita dal fulmine durante l’allenamento per le olimpiadi, Katherine Diaz muore a 22 ann
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.