Facebook cala la maschera e diventa un editore di notizie

0

L’esperimento per ora è solo negli Stati Uniti: accordi con alcuni giornalisti di Cnn e Abc News per trasmettere programmi nella sezione Watch

Sono finiti i giri di parole: Facebook è ufficialmente un editore. Almeno negli Stati Uniti. La sezione Watch, finora dedicata allo streaming, verrà utilizzata come piattaforma per trasmettere alcuni programmi di news a partire da questa estate.

I volti ingaggiati per assolvere a questo compito sono noti agli americani: si tratta di Anderson Cooper della Cnn e altri giornalisti dell’emittente AbcNews. L’obiettivo è quello di trattenere gli editori, il cui potere è diluito dalla vasta circolazione di fake news, ma anche quello di frenare la dispersione degli utenti, ormai attratti da un carico variegato di fonti di notizie, piattaforme sociali e siti. Il modello di business scelto appare essere ragionevole: la produzione dei contenuti sarà curata da Facebook che staccherà assegni in favore delle testate in base alla raccolta pubblicitaria.

Facebook Watch non è ancora disponibile alle nostre latitudini e il test che Menlo Park varerà in estate mira prettamente a un pubblico anglofono e di idiomi ispanici. Chi sostiene che questa sia una mossa per fare dimenticare gli svarioni sulla privacy (dei quali Cambridge Analytica è solo un esempio) ha ragione solo a metà.

Non va dimenticato che Google ha annunciato, a maggio di quest’anno, due nuovi formati dedicati alle news. Newscast sarà il formato che integrerà immagini e video (da YouTube) e questi saranno classificati per argomento grazie alla comprensione del linguaggio naturale degli utenti. Per offrire una copertura il più completa possibile, il formato newsstand interagisce con le testate più note e affidabili, restituendo risultati compatibili con i gusti di ogni singolo lettore, al quale viene anche offerta la possibilità di scoprire nuove testate, allargando così il potenziale dei quotidiani e dei siti di informazione meno conosciuto.

Articolo PrecedenteQuanto guadagna un influencer su Instagram: la classifica dei primi dieci
Prossimo ArticoloSalvini, veto su sanzioni a Russia? Ho idee chiare
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.