Ex dipendente di Facebook: IT divide l’umanità in quattro caste

0

Le società tecnologiche hanno diviso la società di San Francisco in quattro caste, separando le persone tra loro, al punto che la semplice comunicazione è molto difficile. L’ex dipendente di Facebook esprime la paura che lo stesso destino attenda il resto del mondo.

Lo sviluppo dell’IT ha creato una società di caste, in cui la transizione di una persona da una classe sociale all’altra non è possibile. A questa conclusione è arrivato Antonio García Martínez, ex dipendente di Facebook che attualmente scrive per la pubblicazione IT Wired.

Martinez descrive l’attuale struttura sociale di San Francisco, dove hanno sede molte aziende tecnologiche, la cui presenza influisce sulla vita dei cittadini. Guidati dalle famose parole americane che la California vive come gli altri stati vivranno domani, e l’Europa tra cinque anni, Martinez esprime la paura che questo sistema sociale possa in qualche modo attecchire in tutto il mondo.

Le aziende tecnologiche pagano ai dipendenti salari più alti rispetto a datori di lavoro in altre aree di attività. La presenza a San Francisco di un gran numero di lavoratori altamente retribuiti ha portato ad un aumento dei prezzi nella città, in particolare per gli alloggi, e all’aumento della disuguaglianza di proprietà tra i residenti. Come spiega Martinez, una famiglia di quattro persone con un reddito annuo di circa $ 117.000 non può più essere considerata una classe media in questa città, come potrebbe farlo in altri stati. Lavorando in una testata di IT, con una qualificato, ma non essendo uno specialista IT, Martinez intende trasferirsi in un’altra città perché non può dare da mangiare a suo figlio a San Francisco.

Sulla base della sua esperienza lavorativa in una società IT, Martinez identifica quattro classi sociali nella società di San Francisco, i cui confini sono così impenetrabili da chiamarle caste.

La prima casta, che può essere chiamata Inner Circle, è costituita da investitori di venture capital, proprietari di capitali. La seconda casta è la cerchia esterna costituita da professionisti di IT o professionisti altamente qualificati che lavorano per gli investitori e ricevono un compenso sufficiente per essere considerati di classe media a San Francisco.

La terza casta, la cosiddetta classe di servizio, è composta da impiegati che sono anche impiegati nell’IT, ma che svolgono lavori che non richiedono un’elevata qualifica. Questi sono autisti di Uber, corrieri, che si occupano degli ordini degli utenti delle applicazioni Instacart, lavoratori a domicilio assunti attraverso l’applicazione TaskRabbit, ecc. I membri di questa casta non lavorano allo sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla robotica. Ora Uber non nasconde i suoi piani per sostituire in futuro i piloti con l’autopilota, e i giganti dell’e-commerce introdurranno le consegne con i droni.

La quarta casta sono gli Intoccabili: persone che non possono permettersi di comprare o affittare una casa a San Francisco, o non sono in grado di nutrirsi da soli perché non lavorano nell’IT. Sono costretti a vivere per strada e / o a condurre uno stile di vita marginale. Questo include senzatetto, criminali, tossicodipendenti e così via.

Le opportunità per una persona di passare da una casta all’altra sono ridotte al minimo. Capita che un rappresentante dell’Outer Circle entra nell’Inner, bisogna trovare lavoro molto presto in un’azienda come Facebook o Google o aprire un proprio business di successo, ma questo non succede spesso. Pertanto i rappresentanti della seconda casta preferiscono lavorare per gli investitori, accumulando lentamente risparmi.

I rappresentanti della classe di servizio non possono passare alla casta più in alto, perché non hanno le conoscenze e le competenze necessarie. Tutte le loro attività in realtà si riducono a continui tentativi di non unirsi agli Intoccabili, che i rappresentanti di altre caste semplicemente ignorano. Martinez sottolinea che in altre parti del mondo, in particolare in Europa, le cose sono diverse: il posto di una persona nella società non è interamente determinato dal livello del suo reddito, cioè la povertà non porta all’isolamento.

La comunicazione quotidiana tra i rappresentanti di diverse caste finisce gradualmente nel nulla, in gran parte a causa delle applicazioni mobili. Ad esempio, nel caso di Instacart, l’utente dalla prima o dalla seconda casta trasmette all’applicazione mobile e non direttamente al corriere, quali acquisti devono essere effettuati nel negozio. Anche se il corriere ha commesso un errore e ha acquistato, ad esempio, il tipo di formaggio sbagliato, l’utente lascia un reclamo nell’applicazione e non lo esprime ad una persona.

Valutando l’interazione tra persone di diversi strati sociali a San Francisco, Martinez definisce la situazione “un incubo anti-utopico”, con una rigida divisione sociale e una scarsa mobilità sociale. “Questo è un feudalesimo con un miglior marketing”, scrive.

Notando che San Francisco, seguendo questo percorso, ha già “raggiunto il punto di non ritorno”, Martinez ricorda che le dure gerarchie sociali tendono a collassare a seguito di guerre, rivoluzioni, pandemie o per la caduta degli Stati. Vede la speranza in una soluzione meno radicale del problema nei rappresentanti della seconda casta.

Se gli investitori di venture capital sono relativamente distaccati dalla vita, allora i professionisti IT qualificati devono ancora garantire la sicurezza dei loro bambini nelle strade piene di gente al margine della società. Sono preoccupati per lo stato della città, il livello di criminalità, l’istruzione e il sistema dei trasporti. Il sindaco sostenuto da questa casta ha vinto nelle ultime elezioni al governo della città, riferisce Martinez.

Nota inoltre che alcune città europee stanno cercando di resistere all’invasione delle aziende tecnologiche: ad esempio, in alcune città, Uber è bandito, e il governo di Barcellona ha prima multato Airbnb, e poi ha vietato l’affitto illegale di abitazioni in città attraverso questo sito, dato che la consegna totale dei locali ai turisti ha portato a un forte aumento dei prezzi delle case.

Articolo PrecedenteDecreto dignità, Di Maio in Senato apre la strada ai voucher: «Sì in agricoltura e nel turismo»
Prossimo ArticoloLuigi Di Maio, il piano diabolico di Giuseppe Conte: come farà crollare il vicepremier
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.