Escono per una sigaretta e se ne vanno senza pagare: il bar mette le loro foto sui social

0
Escono per una sigaretta e se ne vanno senza pagare

Escono per una sigaretta e se ne vanno senza pagare. Vanno via senza pagare: succede a Napoli, nel quartiere di Chiaia. Il bar non ci sta e pubblica sui social la foto dei tre andati via senza saldare il conto.

Tre persone si sono allontanate da un bar di Chiaia, nel salotto buono di Napoli, senza pagare il conto di circa trenta euro complessivi. Il titolare non ci sta, e sui social pubblica le immagini dei tre clienti andati via senza saldare il debito. Le immagini hanno scatenato come prevedibile un fiume di polemiche: in molti hanno preso le difese dell’esercente, stigmatizzando invece il comportamento dei tre che, secondo quando spiegato dal titolare del bar, si sarebbero allontanati con la scusa di voler fumare una sigaretta, per poi darsi alla macchia.

Ebbene sì, al Bar Napoli, succede anche questo: 3 persone adulte consumano internamente, il conto totale è di 30 euro circa, poi chiedono di andare a fumare una sigaretta e con tale scusa mentre c’era gente che aspettava il loro turno per accomodarsi, e quindi un po’ di confusione, hanno pensato bene di dileguarsi non pagando il conto che diviso tre fa circa 10 euro a persona. Miserabili, confido in tutti gli amici che condividano questo video per il semplice piacere di far arrivare a queste persone la loro vergogna, sia come uomo lui sia come donne loro. Gente di m***a.
Casi simili erano già accaduti anche nei giorni scorsi. Tra questi, il St. Patrick Pub di Aversa, dove i clienti a darsi alla fuga senza pagare il conto erano stati addirittura sei. Poi però, dopo la denuncia da parte del titolare sia alle forze dell’ordine sia attraverso i social network, i sei si erano ripresentati per saldare il conto e chiedere scusa al titolare per il comportamento. E non è escluso che anche nel caso del bar di Chiaia possa verificarsi lo stesso epilogo.

 

Articolo PrecedenteMorta con il bimbo al nono mese di gravidanza. Il marito: “Mia vita distrutta, sia fatta chiarezza”
Prossimo ArticoloMuore uccisa da un serpente, in realtà il killer era il marito: lo aveva provato già due volte
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.