Enna, uccide la madre malata in casa, la accudiva da 20 anni: “Gesto di disperazione”

0
Enna, uccide la madre malata in casa, la accudiva da 20 anni.

Enna, uccide la madre malata in casa, la accudiva da 20 anni. Secondo il legale della 47enne Maria Gozza, arrestata per l’omicidio della madre, la donna accudiva la vittima, Vittoria Malaponti, da oltre 20 anni dopo che il padre era morto.

Un gesto di disperazione per liberarsi dalla solitudine di quella situazione in cui l’aveva costretta la malattia della madre e che ormai durava da oltre venti anni, in questo contesto l’avvocato di Maria Gozza fissa l’omicidio che martedì ha sconvolto la comunità di Aidone, piccolo comune in provincia di Enna, in Sicilia. Secondo il legale della 47enne Maria Gozza , arrestata ieri dai carabinieri per l’omicidio della madre, la donna accudiva la vittima, Vittoria Malaponti, che era gravemente ammalata da oltre 20 anni dopo che il padre era morto. Da allora infatti le due donne hanno sempre vissuto insieme e apparentemente fino ad oggi non avevano avuto mai grandi screzi. Dopo un primo tentativo di fare passare il delitto per un suicidio, la donna ha confessato il delitto ed è ora in carcere

La 69enne soffriva da tempo di problemi di salute che col tempo sono diventati sempre più invalidanti e questo, secondo il legale, ha creato una situazione di forte stress nella figlia fino al delitto i cui contorni però, restano ancora tutti da chiarire. Ieri mattina, alle prime luci dell’alba, la donna ha chiamato il 112 dicendo ai carabinieri che la madre si era suicidata nella loro abitazione di Aidone. Da un primo esame della scena però è apparso subito evidente l’incongruenza del racconto della 47enne. I militari dell’arma accorsi sul posto, infatti, hanno trovato la donna riversa a terra, nel bagno della casa, con il cranio fracassato. Anche il medico legale intervenuto sul posto ha escluso che si potesse trattare si suicidio dopo un primo esame esterno del corpo.

“Appena si è diffusa la notizia ho ricevuto tante telefonate da pazienti della signora Gozza, che hanno testimoniato la sua abnegazione e la disponibilità al lavoro. In tanti mi hanno chiesto se possono andare a trovare la signora in carcere” ha spiegato l’avvocato della donna, Carmelo Lombardo del foro di Caltanissetta, spiegando che Gozza ha fatto la volontaria all’ospedale di Enna e Piazza Armerina e ha un titolo di operatore socio sanitario. Alla base dell’omicidio potrebbe esserci un inasprimento dei rapporti tra le due donne negli ultimi mesi. Secondo la difesa, la 69enne pare avesse preteso che la figlia non uscisse più di casa per non lasciarla mai sola. Così la decisione della figlia di ricoverarla presso una casa di riposo a cui però la donna si era opposta. Maggiori chiarimenti su quanto accaduto in casa arriveranno dai risultati dell’autopsia si svolgerà venerdì prossimo.

 

 

Articolo PrecedenteLE BIBITE SANPELLEGRINO SARANNO PARTNER D’ECCELLENZA ALL’EVENTO, CHE SI TERRA’ A ROMA, DEDICATO ALLA PRESENTAZIONE DELLA GUIDA 2022 DEL GAMBERO ROSSO SUI RISTORANTI D’ITALIA
Prossimo ArticoloDA X FACTOR, SPINOZO ACCAREZZA MENTI E CUORI CON “ALL MY LOVE”, IL SUO NUOVO SINGOLO
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.