Emergenza Coronavirus. Secondo quanto ricostruito, l’uomo deceduto da qualche giorno mostrava sintomi riconducibili anche al Covid-19. Le sue condizioni però sono peggiorate improvvisamente nelle ultime ore ed è morto stroncato da un malore. È scattata subito la procedura prevista ma la moglie deve rimanere in quarantena in attesa dei test.

Prima ha dovuto assistere alla morte del marito in casa poi è stata costretta anche a rimanere da sola nell’abitazione con il cadavere dell’uomo appena morto perché nessuno può rimuovere la salma prima delle analisi che devono accertare la presenza del coronavirus Covid-19. È la terribile esperienza capitata in queste ore a una donna di Borghetto Santo Spirito, in provincia di Savona, ora in quarantena in casa col cadavere. “È una situazione spiacevole che non so definire a parole. Sono vicino al dolore della donna e dei parenti che stanno vivendo questa situazione surreale” ha commentato anche il sindaco della cittadina ligure, Giancarlo Canepa.

Vittima aveva sintomi del Covid-19
Secondo quanto ricostruito, l’uomo deceduto da qualche giorno mostrava sintomi riconducibili anche al Covid-19. Le sue condizioni però sono peggiorate improvvisamente nelle ultime ore ed è morto nella notte tra lunedì e martedì, stroncato probabilmente da un malore. La moglie ha chiamato subito i soccorsi ma i sanitari, una volta arrivati sul posto, hanno deciso di non entrare nell’alloggio perché in presenza di un potenziale contagio da nuovo coronavirus. È scattata subito la procedura prevista in questi casi con un tampone alla salma. Trattandosi di un potenziale contagio, per rimuovere il cadavere sarà necessario attendere almeno 24 ore e l’esito dei tamponi, dunque la donna deve rimanere col cadavere del marito in casa.

La donna dal suo canto sta bene e non mostra sintomi della malattia ma non può uscire di casa perché anche lei potenzialmente infetta e la sua situazione psicologica è comprensibilmente pesante. Come raccontano le cronache locali, la donna è disperata e non sa cosa fare anche se a consolarla a distanza ci sono i parenti e anche le autorità locali.

A Napoli col cadavere della sorella in attesa del test coronavirus
Purtroppo non si tratta del primo caso in tempo di coronavirus. E di pochi giorni fa infatti il caso analogo di un uomo di Napoli che su Facebook mostrava un video in cui si vedeva il cadavere della sorella morta da ore nel letto matrimoniale e in attesa dei tamponi che poi sono risultati positivi al Coronavirus.