Emanuele morto a 35 anni di coronavirus, colleghi del call center: “L’azienda non ci ha detto nulla”

0
Emanuele morto a 35 anni di coronavirus, colleghi del call center

Emanuele morto. Il call center di via Faustiniana 28 dove lavorava Emanuele Renzi, il giovane di 35 anni deceduto a Tor Vergata a causa del coronavirus, non ha mai chiuso dopo i risultati del test sul suo dipendente. “Solo ieri abbiamo avuto notizia della morte di un nostro collega positivo al coronavirus – racconta a Fanpage.it una dipendente – Nessuno in tutto questo tempo ci ha mai avvertito della situazione né tanto meno comunicato tutto quello che stava accadendo”.

Il call center di via Faustiniana dove lavorava Emanuele Renzi, la vittima più giovane del coronavirus nel Lazio, rimarrà chiuso per la giornata di oggi, lunedì 23 marzo. Oggi si terrà un sopralluogo da parte dei servizi di prevenzione della Asl Roma 2 presso lo Youtility Center S.R.L , e ci sarà una prima relazione sull’indagine epidemiologica. Le attività, secondo quanto dichiarato a Fanpage.it da una dipendente, dovrebbero riprendere già da domani. “Ci hanno comunicato che già da domani si potrà continuare a lavorare normalmente”, spiega Anna (nome di fantasia, N.d.R.). “Non siamo tutelati da nessuno, né siamo a conoscenza se le persone che sono state a contatto con questo ragazzo siano state sottoposte al tampone e quindi escludere che ci possa essere un focolaio all’interno dell’azienda. Ho fatto presente la cosa alle autorità competenti nessuno ha fatto niente”.

Secondo quanto riportato da Anna, sarebbero circa 4mila le persone che lavorano all’interno del call center in via Faustiniana 28. “Nessuno in tutto questo tempo ci ha mai avvertito della situazione né tanto meno comunicato tutto quello che stava accadendo”. Non solo Anna: sono molti i dipendenti dell’azienda che si chiedono perché l’azienda non abbia chiuso, una volta saputo che Emanuele era positivo al coronavirus. E tra i dipendenti del Youtility Center S.R.L  sta montando la protesta.

Emanuele Renzi era stato in vacanza a Barcellona dal 6 all’8 marzo. Il 9 marzo è stato il suo ultimo giorno di lavoro, dopodiché si è messo in auto isolamento. I primi sintomi, con febbre e tosse, li ha avuti l’11 marzo. Il 16 è stato trasferito su indicazione del suo medico al Policlinico di Tor Vergata, dove è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva. L’altra notte si è aggravato moltissimo ed è deceduto. Sul corpo di Emanuele, che non aveva patologie pregresse, è stata disposta l’autopsia.

“Qualcuno dovrebbe venirci a controllare, vogliamo fare i tamponi ma nessuno ci sta tutelando. Abbiamo paura, per chiudere l’azienda e sanificare ci è dovuto scappare il morto. Ma da domani cosa faremo? Non ci hanno mai fornito mascherine, gel per le mani o guanti. Fino a pochi giorni fa lavoravamo tutti vicini gomito a gomito, le nostre postazioni sono state sistemate ‘a scacchiera’ solo qualche giorno fa”. A parlare stavolta è Tommaso (nome di fantasia, N.d.R.), un altro dipendente del Youtility Center S.R.L. Anche lui, come Anna, dice che nessuno sapeva nulla delle condizioni di Emanuele. “Non sapevamo che c’era una persona in azienda che si era ammalata, abbiamo saputo ufficialmente quello che era successo solo dopo che il ragazzo è morto e questo è gravissimo. Avevamo notato nei giorni scorsi un atteggiamento strano da parte dei responsabili ma non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione. Siamo 4mila dipendenti, possibile che nessuno è stato a contatto con lui e rischia di essere stato contagiato? È credibile pensare che c’è solo una persona contagiata che purtroppo è deceduta?”.

Secondo quanto riportato dall’azienda, l’ultima giornata di lavoro di Emanuele sarebbe stata il 9 marzo. Tommaso ha però dichiarato che Emanuele era al call center anche il 10 marzo. “Quel giorno un collega ha chiamato il 112 in preda al panico per segnalare che stavamo lavorando tutti vicini, in una condizione di rischio altissimo. Quel giorno era a lavoro anche Emanuele: tra le persone che hanno parlato con le forze dell’ordine arrivate sul posto, c’era anche lui”.

 

Articolo PrecedenteCoronavirus e il farmaco Avigan, il ministro Speranza annuncia: “Al via la sperimentazione”
Prossimo ArticoloCoronavirus come una siesta, Christian Jessen si scusa: “Ho cercato di sdrammatizzare il panico”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.