Ecommerce, l’Europa ha inventato un reclamo online se hai problemi. Ma pochi lo sanno

0

L’Unione europea ha varato un sistema per risolvere i contenziosi legati allo shopping online. Ma solo il 28% dei siti lo pubblicizza. E pochi utenti lo conoscono. Perché potrebbe essere utile per evitare di andare in causa

Uno degli ultimi reclami sull’ecommerce finiti sulla scrivania dell’avvocato Alessandro Bruni a Roma è arrivato dalla Spagna. Qualche mese fa un utente si iscrive a una piattaforma italiana di streaming di sport. Il sito scala i soldi ma, quando l’abbonato si connette per gustarsi una partita, il servizio non funziona. E nonostante le lamentele, continua a non funzionare. L’utente minaccia di non pagare, l’azienda reagisce: se non lo fai, ti inseriamo nei registri pubblici dei morosi. Il cliente, a quel punto, passa al contrattacco. Dalla Spagna incarica Bruni di mediare con l’azienda che, dopo una negoziazione, restituisce i soldi. Pace fatta. “Queste controversie sono di basso valore economico, ma hanno un alto impatto sociale ed emotivo sul consumatore, che si sente preso in giro”, spiega a Wired il legale, specializzato in mediazione civile.

L’euro-reclamo
Di casi come questo nel mercato dell’ecommerce se ne contano a centinaia tutti i giorni. In Europa, dati della Commissione, circa un acquirente online ogni tre si lamenta del suo acquisto.

Consegne, prodotti difettosi e diversi dall’ordine, prezzo o fatturazione. Più di duemila reclami al mese passano dal canale ufficiale dell’online dispute resolution (odr), la piattaforma messa a punto dalla Commissione europea per risolvere via internet i contenziosi legati all’ecommerce. È lo strumento con cui l’abbonato spagnolo è arrivato all’avvocato Bruni.

Attiva dal 15 febbraio del 2016, la piattaforma odr è un tassello del progetto europeo di un’industria dell’ecommerce senza frontiere.

Il fine è ambizioso: se il mercato digitale diventa unico, anche gli strumenti per conciliare i reclami devono essere gli stessi per tutti i consumatori del vecchio continente.

Come funziona? L’utente deposita il reclamo online. Se l’azienda di ecommerce lo accetta, propone il nome di un mediatore per risolvere il caso. Ce ne sono 350 in Europa e si può scegliere liberamente. “Noi lavoriamo prettamente con consumatori stranieri”, spiega Bruni. Questi negoziatori possono essere associazioni di consumatoricamere di commercio o società private di gestione extragiudiziale (come la Concilia per cui lavora l’avvocato Bruni). Quando c’è accordo sul mediatore, scatta la mediazione. L’obiettivo è risolvere la questione prima che finisca in tribunale, sgravandoli di casi di scarso valore economico che ingolferebbero il lavoro dei giudici. Il procedimento deve essere chiuso in 120 giorni.

Articolo PrecedenteVaccini, attivista no vax condannata per ‘bufala’ manifesto
Prossimo ArticoloFibra, stop alla fregature. Bollo “a semaforo” per scoprire se arriva a casa
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.