Ecco il contropiano di Salvini per espellere gli immigrati

0

Dopo l’ennesimo scontro con l’Ue, il ministro lavora a un nuovo piano per togliere la protezione umanitaria (retaggio del governo Prodi), espellere i detenuti stranieri dall’Italia e apire un Cie in ogni regione

“Non facciamo commenti sui commenti”. Alexander Winterstein, portavoce della Commissione europea risponde con irritazione alle domande dei giornalisti che gli chiedono un commento alla durissime parole usate da Matteo Salvini per stroncare il piano migranti elaborato da Bruxelles.

Il ministro dell’Interno, durante la visita al Sacrario dei Vigili del Fuoco, non ci è andato troppo per il sottile: “L’elemosina Bruxelles la può tenere per lei, noi vogliamo chiudere i flussi in arrivo per smaltire l’arretrato di centinaia di migliaia di presenze, non chiediamo soldi ma dignità e ce la stiamo riprendendo con le nostre mani”. D’altra parte, come rivela l’Huffington Post, sul tavolo del Viminale è già pronto il “contropiano” che potrebbe veder la luce già a fine estate. Si tratterebbe di un decreto per cancellare “la protezione umanitariaistituita da Prodi” nel 1998, “rispedire nei paesi d’origine gli stranieri detenuti in Italia” e aprire un Centro di identificazione ed espulsione in ogni regione.

Due posizioni diametralmente contrapposte. Da una parte Bruxelles che si propone di dare pieno sostegno finanziario per coprire le infrastrutture e i costi operativi dei centri con una “offertà di 6mila euro a migrante per gli Stati che accettano di accogliere i richiedenti asilo”. Dall’altra Salvini che respinge al mittente il piano elaborato dalla Commissione europea senza se e senza ma: “L’ipotesi non esiste. L’Italia non chiede l’elemosina, anche perché nel corso del tempo ogni richiedente asilo costa tra i 40mila e i 50mila euro”. Su questo punto il governo è compatto. Persino Giuseppe Conte non si fa troppi problemi a liquidare la proposta di Bruxelles. “Non è una questione di soldi”, dice il premier. Che poi affonda: “La solidarietà europea non ha un prezzo, non è una logica corretta ridurre tutto allo schema ‘ce ne occupiamo noi-ci date soldi’ o ‘se ne occupa uno Stato singolo-si prende i soldi’ con gli altri totalmente indifferenti a quello che succede”.

Con le mani libere dagli impegni europei, Salvini è pronto dunque a elaborare una sorta di “contropiano” insieme ai tecnici del Viminale. Entro la fine dell’estate, secondo l’Huffington Post, verrà steso un decreto per abolire la protezione umanitaria. Si tratta di un particolare permesso di soggiorno istituito dall’ex premier Romano Prodi di cui gli immigrati possono beneficiare soltanto in Italia. Nel resto del Vecchio Continente nessun Paese lo ha adottato. Il decreto prevederà anche il rimpatrio degli immigrati detenuti in Italia. Questi andranno a scontare la pena nei loro Paesi di origine. Una mossa che avrà un duplice effetto: l’immediata riduzione del sovraffollamento delle carceri italiane e il drastico taglio dei costi per l’erario pubblico. L’ultimo punto del “contropiano” è l’apertura di un Centro di identificazione ed espulsione in ogni regione (Cie) per ogni regione. Dopo aver ridotto drasticamente gli sbarchi e fatto sparire le Ong dal Mar Mediterraneo, Salvini punta dunque a rimandare a casa tutti quegli immigrati che non hanno diritto di stare.

Articolo PrecedenteFalso profilo di Perinetti su Facebook
Prossimo ArticoloDecreto Dignità, Renzi contro Di Maio: “Ministro del Lavoro? No della disoccupazione”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.