“È solo una verruca”, ma era un tumore maligno: curata con crema solare, muore nel giro di due anni

0
“È solo una verruca”, ma era un tumore maligno: curata con crema solare, muore nel giro di due anni

“È solo una verruca”, ma era un tumore maligno: curata con crema solare, muore nel giro di due anni. È stato condannato a otto mesi con le attenuanti generiche per omicidio colposo il dermatologo che aveva scambiato per una verruca, curabile con della crema solare, quello che si è rivelato essere un melanoma nodulare invasivo. La paziente è morta due anni dopo la diagnosi a 63 anni: “Se fosse stata anticipata avrebbe avuto elevate possibilità di sopravvivenza”.

Quello che il suo medico credeva essere una semplice verruca sul braccio, curabile con della crema solare, si è rivelato essere un tumore che l’ha uccisa a soli 63 anni. È successo a novembre del 2016. Oggi, a distanza di due anni e mezzo, il dermatologo del centro medico privato Cdc di Torino, che aveva in cura la donna, difeso dall’avvocato Isabella Nacci, è stato condannato a otto mesi con le attenuanti generiche per omicidio colposo. Si chiude così la vicenda giudiziaria che andava avanti ormai da tempo.

Per due volte la procura aveva chiesto l’archiviazione del caso non evidenziando un legame diretto tra le visite dermatologiche effettuate e lo sviluppo del tumore e delle metastasi che avevano poi portato alla morte della donna. Ma i familiari di quest’ultima, assistiti dall’avvocato Gian Maria Nicastro, si erano opposti e l’inchiesta era poi stata avocata dalla procura generale che aveva invece contestato al professionista l’errore commesso nel corso di due visite eseguite a distanza di due anni una dall’altra. La 63enne era andata una prima volta a farsi visitare il 30 maggio 2012 dopo aver notato la presenza di un neo sul suo braccio. Come si legge nelle carte processuali, la diagnosi era: “Neo pigmentato braccio destro misura 4 millimetri, bordi regolari, colore omogeneo”. Si prescriveva una protezione antisolare, e non si richiedevano ulteriori controlli. Dopo due anni, nel 2014, la signora è tornata a controllo perché quel nero era diventato più grande e le dava prurito. Anche allora si trattava di “verruca seborroica che misura un centimetro, rilevata, che talora provoca prurito. Lesione benigna. Si può asportare”. La terapia prescritta prevedeva l’applicazione di una crema, senza richiedere ulteriori controlli.

Ma nel 2015, dopo che quella che sembrava una verruca aveva cominciato anche a sanguinare, la donna aveva deciso di rivolgersi ad un altro specialista e nel giro di 5 giorni l’esito della biopsia era stato terribile: “Melanoma nodulare invasivo, che si era infiltrato nel derma e aveva portato a metastasi”, ovunque, anche al cervello. Lo scorso novembre nel corso del processo sono stati sentiti i consulenti. Per il medico legale Roberto Testi, interpellato dalla famiglia, “la ritardata diagnosi ha fatto scendere drammaticamente le possibilità di sopravvivenza. Se la diagnosi fosse stata anticipata anche solo al 2014, la donna avrebbe avuto elevate possibilità di sopravvivenza”. Il giudice oggi ha ritenuto il medico colpevole condannandolo però al minimo della pena.

Articolo PrecedenteGARDEN GOURMET, IL BRAND DEDICATO A COLORO CHE SCELGONO PRODOTTI A BASE VEGETALE PER UN’ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA
Prossimo ArticoloCOVID, GALLI: “C’È PREOCCUPAZIONE, SERVE SISTEMA ‘CINESE'”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.