È di Antonio Natale il cadavere trovato a Caivano. Era scomparso da 2 settimane

0
È di Antonio Natale il cadavere trovato a Caivano.

È di Antonio Natale il cadavere trovato a Caivano. Era scomparso da 2 settimane. È di Antonio Natale, il 22enne scomparso dal Parco Verde di Caivano il 4 ottobre, il corpo rinvenuto nelle campagne del comune del Napoletano nel pomeriggio. La certezza sull’identità è arrivata in serata. Nei prossimi giorni sarà effettuata l’autopsia, l’ipotesi è che sia stato ammazzato. La madre si era detta convinta che fosse stato ucciso dalla camorra.

Si chiudono nel peggiore dei modi le ricerche di Antonio Natale, il 22enne del Parco Verde di cui non si avevano più notizie da due settimane: è suo il cadavere ritrovato alla periferia di Caivano, in provincia di Napoli, come apprende da fonti qualificate. Il corpo è stato individuato nel pomeriggio, la notizia è stata tenuta sotto riserbo fino all’ufficialità dell’identificazione, arrivata in serata con la conferma della Procura di Napoli Nord. Sulle cause e sulla data del decesso sono ancora in corso accertamenti, nei prossimi giorni verrà effettuata l’autopsia ma pare molto probabile che sia stato ucciso. Il cadavere era stato abbandonato nelle campagne, nei pressi del campo rom, è verosimile che la morte risalga al giorno della scomparsa.

Scomparso dal 4 ottobre da Caivano
Il ragazzo, che aveva lavorato come pizzaiolo in Germania, era tornato di recente nel grosso agglomerato di edilizia popolare alla periferia di Caivano. Il 4 ottobre scorso era uscito con un amico, aveva detto alla madre che sarebbe andato a Napoli per comprare dei vestiti. In città era effettivamente arrivato, come hanno confermato le riprese delle telecamere interne di alcuni negozi. Poi, però, era sparito nel nulla. La madre, Anna, aveva sporto denuncia ai carabinieri e l’altro ragazzo era stato ascoltato; aveva raccontato di avere accompagnato Antonio in via Atellana e di averlo lasciato nella zona cosiddetta del Bronx.

La madre: “Antonio ucciso dalla camorra”
La donna, però, a quella versione non aveva mai creduto. I familiari hanno raccontato che con quel ragazzo Antonio aveva litigato violentemente tre giorni prima, e che nella discussione erano stati coinvolti anche uno zio e un cugino dell’altro, spariti da Caivano dopo la scomparsa del 22enne. La donna ha lanciato diversi appelli, dicendosi convinta che il figlio fosse stato ammazzato e il corpo fatto sparire. Un caso di “lupara bianca”, che sarebbe nato nel mondo della droga del Parco Verde di Caivano, a cui Antonio, ipotizzano i familiari, si sarebbe avvicinato negli ultimi tempi.

 

Articolo PrecedenteBimba di 5 anni muore travolta da porta di calcio: tragedia vicino campo sportivo a Rocca di Botte
Prossimo ArticoloGabriel Feroleto, padre ammette concorso nell’omicidio: annullato ergastolo, pena ridotta a 24 anni
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.