Due fratelli muoiono di Covid a 46 ore uno dall’altro. Il figlio: “Non li ho protetti”

0
Due fratelli muoiono di Covid a 46 ore uno dall’altro.

Due fratelli muoiono di Covid a 46 ore uno dall’altro. Il figlio. Due fratelli sono morti tragicamente di Covid-19 a 46 ore l’uno dall’altro. Adesso, nella casa familiare di Belluno, resta solo il dolore del figlio di uno dei due, il primo a contrarre l’infezione da Coronavirus. “Non sono riuscito a proteggerli e questa è la cosa che fa più male. Mi sentirò in colpa per tutta la vita”.

Ha perso lo zio e il papà a 46 ore uno dall’altro. “Ho un grande senso di colpa, perché sono stato io a portare il virus in casa, anche se uscivo solo per lavorare – racconta Valerio -. Mi chiedo perché hanno pagato due persone innocenti. Il destino si è accanito su di loro e questo non me lo perdono”. Lo zio, Antonio De Barba, aveva 86 anni ed era cardiopatico. Alla mezzanotte tra il 14 e il 15 dicembre è deceduto a causa delle complicazioni causate dal virus. Papà Giuseppe, invece, di anni ne aveva 83 e non aveva patologie, a parte una leggera demenza senile. Lui è morto alle 22 del 16 dicembre. Tutti e due sono usciti da casa loro, a Belluno, nella giornata di domenica 6 dicembre quando sono stati ricoverati in Pneumologia al San Martino.

Valerio lavora come operaio e nonostante i diversi lockdown, non ha mai potuto fermarsi. “Sono obbligato ad andare a lavorare, ma a parte quello non ho mai fatto altro. Andando per esclusione, ritengo che il contagio sia avvenuto lì. Forse nei bagni che non sono molto grandi”. L’ultimo giorno di lavoro, per lui, è stato domenica 21 novembre. Racconta di esser stato bene nelle giornate di lunedì e martedì, poi giovedì ha iniziato ad avere 37 e mezzo di febbre. Valerio abita nella casa familiare con lo zio, il padre e la madre. “Mio padre era in una stanza per conto suo mentre mio zio nell’altra. Non ci sono stati grandi contatti tra noi. Appena ho avuto la febbre mi sono isolato per sicurezza e venerdì 27 novembre ho fatto il tampone molecolare”. Il responso attesta la sua positività. A quel punto si è ammalato anche il padre e la saturazione del sangue si è abbassata. Lo zio, invece, ha avuto dei sintomi intestinali.

Domenica 6 dicembre le cose sono precipitate. Il padre di Valerio è caduto a terra, mentre lo zio si è accasciato sul letto. I parenti chiamano il 118 che li ha portati al San Martino. Lo zio era quello in condizioni più gravi, mentre il padre era stabile nonostante avesse bisogno di tanto ossigeno. All’improvviso, i due sono morti uno dietro l’altro. Nella casa di Belluno, Valerio e sua madre sono chiusi nel dolore. Lui è ancora positivo, la donna invece è negativa. “Non sono riuscito a tenere il virus fuori da questa casa e mi fa male” spiega, inconsolabile. La prima ondata l’abbiamo affrontata bene, questa invece è stata fatale. Ho dovuto organizzare un funerale per due persone che fino a due settimane fa stavano bene”.

Articolo PrecedenteBuccinasco, ragazzina va al cimitero per trovare la madre defunta e viene abusata dal custode
Prossimo ArticoloCade dal terrazzo mentre scavalca: infilzata dalla ringhiera. Era rimasta chiusa fuori per sbaglio
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.