dramma in casa scoperto, martedì 31marzo, in un’abitazione del capoluogo toscano. Secondo una primissima ricostruzione dell’accaduto da parte degli inquirenti intervenuti sul posto, si tratterebbe di un caso di omicidio-suicidio. L’uomo avrebbe ucciso la moglie con un colpo partito da un fucile regolarmente detenuto e poi si sarebbe tolto la vita.

Tragedia nelle scorse ore in un’abitazione di Firenze dove un uomo avrebbe ucciso a colpi di arma da fuoco la moglie prima di togliersi la vita nello stesso appartamento in cui abitavano. Il dramma scoperto nel primo pomeriggio di, martedì 31marzo, in un’abitazione di via Bronzino, in zona Ponte alla Vittoria. A lanciare l’allarme sarebbero stati alcuni parenti che non riuscivano più a mettersi in contatto con la coppia e hanno chiamato le forze dell’ordine. Quando i primi agenti sono arrivati sul posto, però, per le due vittime ormai non c’era più nulla da fare. Sul posto sono intervenuti gli uomini della squadra mobile del capoluogo toscano che hanno accertato il decesso di entrambi i coniugi. Le vittime sono due anziani pensionati: lui 86 anni, lei 97 anni.

Quando i poliziotti sono entrati nell’abitazione, i corpi delle due vittime giacevano in casa in una pozza di sangue. Entrambi pare avessero evidenti segni di ferite da arma da fuoco. Secondo una primissima ricostruzione dell’accaduto da parte degli inquirenti intervenuti sul posto, si tratterebbe di un caso di omicidio-suicidio. L’uomo avrebbe ucciso la moglie con un colpo partito da un fucile regolarmente detenuto e poi si sarebbe tolto la vita puntando la medesima arma verso sé stesso. Sul posto oltre agli agenti di polizia, anche il medico legale per un primo esame esterno dei cadaveri.