Draghi: “Non c’è una data per le riaperture, dipende da contagi e vaccinazione di persone a rischio”

0
Draghi: “Non c’è una data per le riaperture, dipende da contagi e vaccinazione di persone a rischio”.

Draghi: “Non c’è una data per le riaperture, dipende da contagi e vaccinazione di persone a rischio”. “Quanto più celermente procedono le vaccinazioni, tanto prima si potrà riaprire. Ora non ho una data, ci stiamo pensando in questi giorni. Ma dipende dall’andamento dei contagi e dalle vaccinazioni”: lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenuto oggi in conferenza stampa per parlare di riaperture e campagna vaccinale.

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, è intervenuto in conferenza stampa insieme a Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, per rispondere alle domande dei giornalisti su riaperture, campagna vaccinale e misure anti-Covid. “La raccomandazione è usare il vaccino AstraZeneca per coloro che hanno più di 60 anni: quello che deve attirare la nostra attenzione è il rischio di decesso che è massimo per chi ha più di 75 anni. Quindi bisogna concentrarsi sul vaccinare prioritariamente i più anziani, tutto dipende da questo. Uno quindi piuttosto dovrebbe dire di smetterla di vaccinare i giovani, i ragazzi: queste platee di operatori sanitari che si allargano sempre di più, con che coscienza saltano la lista e si fanno vaccinare, lasciando esposto a rischio concreto di morte una persona anziana o fragile?”, ha esordito Draghi parlando del piano vaccinale e del rischio di ritardi dopo le nuove raccomandazioni sul vaccino AstraZeneca.

Anche Locatelli, prendendo la parola, ha rivendicato le nuove raccomandazioni del governo sottolineando che oltre a voler evitare i rari coaguli riscontrati soprattutto nella popolazione più giovane, la scelta risponde soprattutto all’esigenza di voler velocizzare la campagna di protezione dei più fragili. Draghi ha poi puntualizzato: “Dobbiamo concentrarci su questa classe di età e la disponibilità di vaccini che abbiamo ad aprile ci permette di vaccinare tutti gli over 80 e la maggior parte degli over 70 in tutte le Regioni: è tempo di prendere decisioni perché questo è fondamentale anche per le riaperture. Se noi proteggiamo i più fragili è chiaro che si può riaprire”.

Obiettivo raggiunto! Acquistato veicolo per il trasporto disabili
E ancora: “Passiamo da una situazione di una preoccupazione per cui non avevamo vaccini a una per cui ne potremmo avere troppi. Se noi vacciniamo subito i più anziani e più fragili, questa seconda preoccupazione la possiamo gestire senza problemi. Il piano vaccinale comunque non dovrebbe cambiare molto di qui a fine anno”.

Parlando poi delle riaperture Draghi ha detto: “Oggi ho visto Salvini, ma anche Bersani e i rappresentati delle Regioni. Tutti chiedono le aperture perché la miglior forma di sostegno per l’economia non sono i ristrori, ma sono le riaperture. Sulle manifestazioni che ci sono state, bisogna condannare la violenza, ma io capisco la frustrazione. Io nelle prossime settimane voglio vedere le riaperture in sicurezza, a cominciare dalle scuole. L’obiettivo sarebbe quello di dare ai ragazzi almeno un mese di scuola insieme. Quanto più celermente procedono le vaccinazioni, tanto più si potrà riaprire: e parlo di categorie a rischio, non conta avere il 30% della popolazione totale vaccinata, ma il 100% delle categorie a rischio protette e magari un po’ meno degli altri. Ora non ho una data, ci stiamo pensando in questi giorni. E poi dipende dall’andamento dei contagi e come dicevo dalle vaccinazioni. Sul turismo il ministro Garavaglia, speriamo ma la cosa più importante è preparare la riapertura”.

Articolo PrecedenteScambia un infarto per una gastrite e il paziente muore: medico accusato di omicidio colposo
Prossimo ArticoloRagazzo di 27 anni uccide la madre e poi si impicca: omicidio-suicidio a Gazoldo degli Ippoliti
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.