Dottoressa uccisa dal fidanzato, a processo l’infermiere Antonio De Pace

0
Dottoressa uccisa dal fidanzato, a processo l’infermiere Antonio De Pace.

Dottoressa uccisa dal fidanzato, a processo l’infermiere Antonio De Pace. No al rito abbreviato per Antonio De Pace, l’infermiere calabrese che lo scorso marzo ha confessato di aver assassinato la convivente, Lorena Quaranta, nel loro appartamento a Furci Siculo. A partire dal prossimo 17 marzo. Antonio De Pace è stato rinviato a giudizio con l’accusa di omicidio volontario. Contestata all’imputato anche la premeditazione.

No al rito abbreviato per Antonio De Pace, l’infermiere calabrese che lo scorso marzo ha confessato di aver assassinato la convivente, Lorena Quaranta, nel loro appartamento a Furci Siculo. Per il De Pace, come previsto per i reati punibili con l’ergastolo, non sarà possibile ricorrere al processo con rito abbreviato. Al trentenne, in carcere dallo scorso marzo, è stato infatti contestato l’omicidio volontario aggravato dalla premeditazione.

I fatti sono avvenuti quando l’Italia era in pieno lockdown. La mattina del 31 marzo, Antonio De Pace ha chiamato personalmente il 112 per denunciare di aver ucciso, strangolandola, la fidanzata. “Mi ha contagiato con il coronavirus”. Nell’immediatezza dei fatti, De Pace aveva descritto quell’omicidio come un crimine d’impeto dettato dall’ansia di aver contratto il Covid19, circostanza poi ampiamente smentita dagli esami medici che hanno dimostrato come né De Pace, né altri avessero contratto il virus, tantomeno da Lorena, risultata negativa. Nel corso delle indagini, tuttavia, è emerso un proposito omicidiario elaborato dal femminicida ben prima di quella tragica notte.

Antonio De Pace aveva inviato alcuni messaggi ai suoi familiari per disporre la divisione dei suoi beni ai nipoti quando la sua vita sarebbe cambiata. Quanto al rapporto tra la vittima e il suo carnefice, i familiari lo hanno descritto come un ‘legame simbiotico’, caratterizzata da stabilità e armonia, tanto che la coppia stava cominciando a progettare il matrimonio. Nel periodo che ha preceduto il delitto, la famiglia di Lorena Quaranta ha notato un cambiamento nel De Pace. “Non voleva fare più visita ai pazienti per il timore del contagio” aveva detto Giuseppe, lo zio di Lorena.  Quanto alla laureanda, continuava regolarmente le sua attività in ospedale e all’università. Lo scorso 20 ottobre, l’Università di Messina, dove Lorena stava per terminare il percorso di studi, ha riconosciuto alla dottoressa la laurea alla memoria, in Medicina.

Articolo PrecedenteL’Onu cancella la cannabis dall’elenco delle sostanze stupefacenti: “Ha proprietà curative”
Prossimo ArticoloUSA, medico praticava la fecondazione assistita usando il suo sperma: ora ha almeno 36 figli
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.