Dipendente morto per aver lavoro troppo. La Sony dovrà pagare: cosa è successo

0
Dipendente morto per aver lavoro troppo.

Dipendente morto per aver lavoro troppo. La Sony dovrà pagare. L’uomo, un “colletto bianco” del marketing”, è deceduto nel 2018 di infarto: aveva fatto 80 ore di straordinario mensili. Il caso non è che l’ennesimo che vede le aziende accusate di “sfruttamento” dei lavoratori in Giappone. Il ‘karoshi’ è infatti considerato un grave problema sociale…

Il “superlavoro” è da considerare una causa di morte. L’ha deciso l’Ufficio di verifica delle condizioni di lavoro del Giappone che, chiamato a sentenziare sul decesso un dipendente di Sony negli Emirati arabi uniti a gennaio 2018, ha condannato la multinazionale a risarcire i parenti della vittima.

80 ore mensili medie in più dell’orario previsto
La vittima, 40enne assunto a tempo indeterminato nel 2007 e poi inviata a occuparsi del marketing dei prodotti elettronici Sony a Dubai, nel gennaio di tre anni fa è morto a causa di infarto. Nei tre mesi precedenti aveva lavorato 80 ore mensili medie in più dell’orario previsto, stando a quanto accertato. La famiglia, ha presentato la richiesta di risarcimento per infortunio sul lavoro, che in un primo momento non è stato riconosciuta, perché sulle registrazioni dei badge non risultava che il dipendente avesse fatto straordinari. Pur essendo morto per l’eccesso di lavoro, nell’azienda non si è voluto accertare se vi fossero responsabilità, si è trattata la questione come se nulla fosse accaduto”, ha continuato la donna.

La replica della Sony

Sony ha preso atto del pronunciamento. “Preghiamo dal profondo del cuore – ha detto in un comunicato l’azienda – che il nostro collega possa riposare in pace. Prendiamo atto con sincerità del riconoscimento da parte dell’Ufficio di controllo delle condizioni di lavoro e ci impegniamo con la massima serietà nel prevenire gli infortuni sul lavoro e nel controllare le condizioni di salute dei nostri dipendenti”.

La morte per superlavoro in Giappone
Il “karoshi”, ovvero la morte per troppo lavoro, è un problema sociale in Giappone. Secondo gli ultimi dati disponibili (2019) ci sono state oltre 174 morti per superlavoro, la maggior parte dei quali per suicidio. Secondo le autorità nipponiche, infatti, non conta tanto la causa del decesso (infarto, ictus, o altro), ma l’ambiente e le condizioni di lavoro entro cui questo si è consumato.

Articolo PrecedenteTreviso, 14enne muore per un malore improvviso in casa: “Stava benissimo”
Prossimo ArticoloAl Gaslini di Genova Spiderman arriva dal cielo: tre motociclisti sorprendono i bimbi ricoverati
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.