È successo nel parcheggio di un ristorante negli Stati Uniti: il papà ha iniziato il turno di lavoro ma ha lasciato il figlio di 18 mesi nell’auto al sole. Per il piccolo è stato inutile ogni tentativo di rianimazione. Con l’arrivo dell’estate tragedie come questa si ripetono in ogni angolo del mondo.

È morto, abbandonato nell’auto rovente dal papà. Tragica morte, negli Stati Uniti, per un bambino di appena 18 mesi. La notizia arriva da Galveston, in Texas, dove le temperature in questi giorni superano abbondantemente i 32 gradi. Le indagini delle autorità locali sono ancora in corso e sui media le informazioni sono ancora poche. A riportare le prime notizie sulla tragedia che ha scosso l’intero Stato del Texas sono i quotidiani e le tv locali: il bimbo è morto dopo essere rimasto chiuso in auto per almeno cinque ore nel parcheggio di un ristorante.

Questi i fatti. Alle 11 del mattino il papà del bimbo si è recato come ogni giorno nel locale (un ristorante messicano) per iniziare il suo turno di lavoro. Il papà ha però dimenticato il figlioletto di un anno e mezzo nel veicolo, sotto al sole rovente. Alle 16, quindi dopo diverse ore, il papà ha terminato il suo turno di lavoro e ha scoperto di aver dimenticato il piccolo nell’auto. Il bimbo non dava segni di vita e i medici che l’hanno soccorso hanno dichiarato il decesso appena giunti in ospedale. Le indagini sono ancora in corso e non sono ancora state diffuse le generalità del bimbo e del padre.

Tragedie così, purtroppo, sono comuni in molte parti del Mondo: in Italia, a marzo, una maestra elementare è stata denunciata per abbandono di minori dopo aver dimenticato per un paio d’ore il figlio di due anni in auto. Ad accorgersi del bimbo, solo in auto, sono stati due passanti. Con le temperature torride estive questi episodi drammatici si ripetono spesso. Secondo alcune stime, tra il 1998 e il 2017 oltre 700 bambini sono morti dimenticati in auto solo negli Stati Uniti d’America.