Dating su Facebook, il difficile sarà comunicare la libidine senza faccine

0

Secondo i malpensanti lo ha fatto per spostare l’attenzione dallo scandalo Cambridge Analytica, per i suoi numerosi fan, invece, è l’ennesimo colpo di genio. Fatto sta che Mark Zuckerberg, il giovane creatore del social più famoso al mondo, ha annunciato il Dating on Facebook, un’app di incontri virtuali mandando in crisi Tinder e le altre.

 

Marc è furbo e geniale ma anche lungimirante: solo negli Stati Uniti il fatturato è di oltre 2,2 miliardi di dollari(2016), con una crescita attesa di 100 milioni l’anno fino al 2019.

Ma veniamo a noi: come funzionerà?

Brutte notizie per i lussuriosi, quelli da una botta e via: Mark ha precisato che l’app sarà per trovare solo «Storie importanti, non di una notte», una sorta di agenzia per cuori solitari versione social, insomma. Per trovare l’anima gemella si dovrà aprire un nuovo profilo solo con il proprio nome, senza cognome, e “la ricerca disperata” della persona giusta non comparirà nel News Feed ma lo vedranno solo gli altri utenti “cercatori”. Come su Tinder, poi, per iniziare a chattare, sarà necessario aver manifestato e ricevuto interesse; si potranno mandare solo messaggi di testo, addio quindi a cuoricini e musi di porco libidinosi tipici di Messenger o WhatsApp.

A questo punto, però, sorge un’atroce preoccupazione: come faremo a comunicare senza emoticon? Troveremo 10 secondi di tempo per scrivere una frase sensata piuttosto che mandare una faccina ammiccante? Penso soprattutto a come finire una conversazione se l’altro non ci fa impazzire. In genere funziona così: ai suoi insistenti messaggi gli mandi una faccina che sorride e, se è mediamente intelligente, al decimo sorriso stampato capisce che non è aria. Con Dating on Facebook, invece, devi proprio metterglielo per iscritto.

Ma, se non hai il coraggio, rimane sempre il vecchio caro ghostingche consiste nel non rispondere e d’improvviso scomparire. Puff!

Articolo PrecedenteWhatsApp si aprirà di più alla pubblicità, ma forse non nel modo che state pensando
Prossimo ArticoloATTENZIONE: questo messaggio BLOCCA gli smartphone Android!
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.